Pubblicità

Il pensiero innovativo di Irvin Yalom sulla psicoterapia

0
condivisioni

on . Postato in Ricerche e Contributi | Letto 4153 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfidare i loro pazienti a crescere, dovrebbero ricordarsi di trattarli con empatia e semplice gentilezza umana oltre alla normativa e premurosa cura professionale?

Il pensiero innovativo di Irvin Yalom sulla psicoterapiaNell'opera “Il dono della terapia”, lo psichiatra e scrittore Irvin Yalom ricorda un incontro commovente con una delle sue pazienti oncologiche.

La donna è imbarazzata per la perdita dei capelli dopo la chemioterapia, e durante una delle sue sedute rivela che vorrebbe un feedback da Yalom rispetto al fatto che la sua calvizia non lo respinga.

Yalom, che ha sempre ammirato questa paziente per l'intelligenza ed i suoi lineamenti, le dice che non è affatto respinto.

In aggiunta a questo, chiede alla paziente se può toccare le graziose ciocche grigie di capelli che le rimangono sulla testa. Il risultato è un momento intimo, quasi catartico per entrambi.

Questi momenti, collegati nel suo libro, “Il dono della terapia”, si pongono come argomenti vividi per abbattere i muri che separano paziente e psicoterapeuta.

Diretto ad una nuova generazione di psicoterapeuti ed ai loro pazienti, Yalom è un appassionato sostenitore dello smascheramento, o meglio definita Self-disclosure, del terapeuta.

Uno dei motivi principali per cui i pazienti cadono della disperazione è perchè non sono in grado di sostenere relazioni gratificanti.

Secondo Yalom, la psicoterapia è la loro opportunità di stabilire un sano dare-e-avere con un psicoterapeuta empatico; uno che no ha paura di mostrare le proprie vulnerabilità.

Aprire la porta segreta

Professore emerito di psichiatria alla Stanford University e autore di numerosi libri di psicoterapia, l'intuizione id Yalom in questo mondo apre la porta segreta alla psicoterapia, sia per i consulenti che per i pazienti che li visitano.

Quello che vediamo dietro la porta di Yalom è ben lontano dallo stereotipo dello psicoterapeuta.

Dai fumetti ai lungometraggi di Hollywood, l'analista è spesso raffigurato seduto dietro una scrivania o un taccuino, letteralmente fuori portata e lontano dalla vista della persona analizzata.

Pubblicità

Come pazienti, percepiamo quella persona seduta di fronte a noi come una figura potente ed impenetrabile, eppure ci si aspetta che ci riveliamo al loro esame.

Nell'atmosfera carica dell'ora terapeutica di 50 minuti, la psiche si espone, mentre lo psicoterapeuta mantiene una maschera enigmatica.

Questo potrebbe essere il modello tradizionale della psicoanalisi, ma Yalom lo sfida definendolo malsano ed inefficace. Un vero trattamento, dice, richiede un'intimità tra terapeuta e paziente che nasce da un solido legame di fiducia.

Dopo tutto, un paziente affida regolarmente al proprio psicoterapeuta rivelazioni intime, così il terapeuta deve essere in grado di rispondere con una vera empatia spontanea piuttosto che con frasi terapeutiche di riserva.

L'empatia non deve evolversi nel vuoto. “L'amicizia tra terapeuta e paziente è una condizione necessaria nel processo di terapia”, afferma Yalom, e incoraggia lo psicoterapeuta dicendogli “fai sapere al paziente che lui o lei è importante per te”.

Come in ogni altra relazione intima, Yalom ritiene importante che entrambe le parti ammettano quando hanno commesso un errore.

Egli osserva che quando ha confessato i propri limiti, giustificando così la sua mancanza di comprensione in un determinato momento della psicoterapia, ha fatto un grande passo avanti nel lavoro terapeutico.

Questo era il caso in cui Yalom si sentiva estremamente a disagio nel lavoro psicoterapeutico con una donna chiacchierona e obesa che soffriva di depressione - questo caso è illustrato in un altro dei suoi libri intitolato “Guarire d'amore”.

Racconta del suo viaggio impegnativo per comprendere la sua resistenza a trattare “Betty”, a partire dalla sua famiglia e dalla sua linea di “donne grasse e controllanti”, al suo bisogno di capro espiatorio negli anni del liceo durante la segregazione razziale di Washington DC, in cui fu regolarmente attaccato perchè bianco ed ebreo.

Yalom ricorda che lui, a sua volta, poteva guardare dall'alto in basso i “ragazzi grassi”: “Supponevo che avessi bisogno di qualcuno da odiare”, riflette. “Forse è lì che l'ho imparato”.

Nel processo di terapia, Yalom convince Betty, che devia la maggior parte delle sue domande con una battuta, di smetterla di “intrattenerlo” e di parlare della sua vita con la serietà che merita.

Quando lo fa, alla fine sconfigge il suo disagio e arriva a provare un enorme rispetto e simpatia per la sua paziente. E, dopo alcuni mesi di trattamento, Betty fu in grado di superare la depressione e ottenere un peso più confortevole per se stessa.

Lo psicoterapeuta può chiamare il paziente a casa?

Il coinvolgimento personale di Yalom durante la terapia non si ferma alla condivisione dei suoi pregiudizi.

Visitando di tanto in tanto i pazienti a casa, Yalom afferma di aver appreso informazioni importanti che è stato in grado di mettere a frutto durante la psicoterapia.

Ad esempio, un paziente gravemente depresso è stato per mesi incapace di andare oltre le fasi iniziali del lutto per la morte della moglie.

Quando Yalom fece una telefonata a casa, scoprì che il paziente aveva così saturato il suo ambiente con i ricordi materiali della moglie - al punto da tenere il divano malconcio dove sua moglie era morta - che la sua stessa personalità era praticamente scomparsa.

Insieme, paziente e psicoterapeuta elaborarono una serie di cambiamenti nella casa che aiutarono il paziente a liberarsi di alcune catene invisibili che lo legavano.

Il paziente come compagno di viaggio

Poichè costruire fiducia e intimità richiede del tempo, Yalom è critico nei confronti dell'attuale tendenza verso brevi periodi di terapia comportamentale.

Mentre possono lavorare in alcuni casi, egli sottolinea che non c'è alcun sostituto per le sessioni settimanali in corso in cui un clinico premuroso ed un paziente in difficoltà si impegnano in una “prova generale per la vita”.

Pubblicità

Sebbene la “vita” in questione sia solitamente quella del paziente, Yalom ritiene che se il cambiamento non avviene anche nello psicoterapeuta, la psicoterapia non sta funzionando in modo efficace.

45 anni di pratica clinica hanno portato Yalom a notare che il paziente e lo psicoterapeuta sono “compagni di viaggio” durante la terapia - sono entrambi esseri umani che si occupano di problemi essenziali dell'esistenza e devono lavorare in modo cooperativo per risolverli.

Il terapeuta deve essere in grado di “guardare fuori dalla finestra dell'altro”. Imparare ad empatizzare con l'esperienza di un paziente è il regalo più importante che uno psicoterapeuta può dare ad un paziente, afferma Yalom.

Certamente il mondo dell'analisi e della terapia è cambiato drasticamente dai tempi di glorificazione del terapeuta neutrale, distante ed emotivamente freddo con una pipa in mano.

Nell'opera “Il dono della terapia”, Yalom fa la coraggiosa affermazione che lo psicoterapeuta è responsabile nel portare la propria umanità in prima linea nella terapia.

Dopotutto, questo può essere il regalo più prezioso che lo psicoterapeuta può offrire al cliente.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

 

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

Tags: psicoterapia Irvin Yalom

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Nevrastenia

Termine introdotto dal medico statunitense Beard, nel 1884, per designare un quadro clinico, caratterizzato da stanchezza fisica e mentale, irritabilità, insonn...

Psicosi

Il termine Psicosi è stato introdotto nel 1845 da von Feuchtersleben con il significato di "malattia mentale o follia". Esso è un disturbo psichiatrico e descr...

Dacrifilia

È una pratica sessuale, fa parte delle parafilie, e consiste nel provare piacere sessuale nel vedere un soggetto piangere.  L'attrazione sessuale scatur...

News Letters

0
condivisioni