Pubblicità

Il linguaggio del corpo

0
condivisioni

Linguaggio del corpo: esercitazioni con una video-intervista a Monti

intervista a monti il linguaggio del corpoPer chi non ha la possibilità di venire a frequentare un corso dal vivo sul linguaggio del corpo e microespressioni facciali, posto questo video che ho trovato su youtube perchè vi ho trovato delle microespressioni molto interessanti.

Grazie ad un video abbiamo la possibilità di commentarle per spiegare alcuni concetti base di comunicazione non verbale.

In questa intervista possiamo notare alcune incongruenze verbali-non verbali, andiamo ad analizzare il breve video che abbiamo riportato in fondo all’articolo.

Al minuto 0:23 – 0:24 quando la giornalista domanda: “lei è un massone?” Monti ha un’alzata di sopracciglia che dimostra un carico di tensione, certamente dovuto al “cercare le parole giuste” per rispondere alla giornalista.

Il fatto di aggrottare le sopracciglia mostra un carico cognitivo, cioè il cervello sta elaborando informazioni, quando parliamo in modo spontaneo questo tipo di sovraccarico non avviene.

Perchè assistiamo a questa elaborazione di informazioni?

Le ragioni potrebbero esser vaste:

  • può essere che Monti stia cercando le parole giuste
  • può essere che sta cercando di rispondere in modo non sincero
  • può esser che sta cercando di “prender tempo” perchè ancora non ha trovato le parole giuste
  • può esser che sta provando un forte stato d’ansia dovuta alla situazione
  • può esser un’indizio di menzogna

Comunque sia, in questa intervista la risposta di Monti è una manovra “evasiva”, perchè in pratica non risponde alla domanda!

Al min 0:33 – 0:35 abbiamo un’alzata del sopracciglio, che spesso non è altro che una sottolineatura non verbale. A volte le alzate di sopracciglia (come quelle che abbiamo nella sorpresa (codice facs AU 1+2) sono gesti illustratori, che sottolineano e accompagnano un discorso analogico.

Il problema qui è che si mostra in modo asimmetrico.

Al min 0:45 abbiamo un’incongruenza verbale, infatti nella frase “Io confesso…” abbiamo anche un’alzata di sopracciglia, quasi a voler nascondere che non sà cosa rispondere, infatti subito dopo al min 0:48  – 0:49 (“Non so cosa sia la massoneria”) abbiamo forti incongruenze non verbali: dice si con la testa ma sta negando qualcosa verbalmente per poi fare il contrario, cioè dire no con la testa e affermare qualcosa con il verbale.

Sono movimenti molto veloci (in frazioni di sec) e sono sempre incongruenze tra il verbale e il non verbale.

Si mostrano cioè, quando la persona non è sincera o non crede in ciò che sta dicendo, in pratica il corpo nega le parole.

Possiamo anche notare uno stiramento delle labbra in AU 20 tipico dell’espressione di “paura” a 0:51



Il riportare alcuni casi tratti “dal vivo” come spesso faccio anche nel mio blog, e non postare solo articoli teorici, è la cosa migliore da fare per mostrare cosa può fornire la conoscenza del linguaggio del corpo. Per approfondimenti vi aspetto nel prossimo post o al mio prossimo evento sulla comunicazione non verbale.

Alla prossima puntata.

Stay Tuned!

Il MAR EDIPICO in persona
I quattro "non riesce" di Miriam...
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://psiconline.it/

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Trinatopia

In oculistica, è una rara forma di cecità per il blu e il violetto. E' uno dei quattro tipi di daltonismo più diffusi: Acromatopsia: deficit di visione di t...

Elettroshock

  Di solito, la TEC, eseguita in anestesia, è una tecnica scevra da collateralità e con bassa incidenza di mortalità.

Agnosia

L'agnosia (dal greco a-gnosis, "non conoscere") è un disturbo della percezione caratterizzato dal mancato riconoscimento di oggetti, persone, suoni, forme, odor...

News Letters

0
condivisioni