Pubblicità

Il linguaggio del corpo

0
condivisioni

Uomini e donne, corpi e reazioni diverse

corpi e reazioniIl testosterone, ormone tipico negli uomini, aumenta in relazione a ciò che si fa, in particolare è stimolato dalle attività di tipo “sportivo”, come correre, lottare, gareggiare, mirare a qualcosa. Tutte attività che, non a caso, hanno a che fare con l’evoluzione di cacciatori che hanno subito gli uomini.

Gli ormoni, di qualsiasi tipo esso siano, non sono fissi né per una categoria specifica né, soprattutto, per un individuo. I loro livelli calano e crescono di continuo nel corso della vita, e ci sono persone con quantitativi molto più alti di altre. Un ormone più comune invece nelle donne è l’ossitocina. Anche questo è prodotto sia da uomini che donne, però è in diretto “contrasto” con il testosterone: maggiore è l’uno, minore è l’altro.

Ciò significa che un uomo, con alti valori di testosterone, avrà meno ossitocina di una donna. L’ossitocina aumenta in presenza dei propri simili verso i quali si prova affetto, ed è per questo detto “ormone delle coccole”.

Aumenta quando ci sono bambini piccoli, quando si abbraccia il proprio partner, quando si incontra un genitore. Aumenta quando ci si occupa di chi ha bisogno, quando si condivide un dolore, quando si fa qualcosa per qualcuno. Aumenta inoltre in modo rapidissimo a seguito di un orgasmo.

È influenzato inoltre, nelle donne, dal ciclo mestruale, e aumenta e diminuisce anche in relazione ad esso. Il più alto livello di ossitocina nelle donne le rende più sensibili agli altri, più empatiche e più capaci di comprendere la comunicazione non verbale.

Un ormone particolare merita attenzione a parte.
Si tratta della prolattina.
Quest’ormone è prodotto in abbondanza durante la gravidanza, il parto e l’allattamento nelle femmine di mammifero, e durante la cova e lo svezzamento negli altri animali.

Nei mammiferi attiva in particolar modo le ghiandole mammarie, stimolando la produzione di latte.
Si tratta quindi di un ormone utile in prevalenza alle madri.
È prodotta dall’ipofisi, quindi anche negli uomini, ma è in aperto contrasto con il testosterone, quindi quando c’è uno non c’è l’altro.
A cosa serve la prolattina?
La sua funzione è importantissima: le madri di tutti gli animali con alti livelli di prolattina diventano più intelligenti, abili, affettuose delle femmine senza prole .

Tale ormone aumenta quando si entra in relazione con un cucciolo, in particolare della stessa specie e ancora di più se si tratta del figlio della madre in questione.

Quest’ormone fa in modo che tutte le donne provino piacere quando accudiscono dei bambini, e le rende più attente e con una memoria più precisa rispetto a donne che non accudiscono bambini.
Gli uomini producono prolattina, per parsimonia naturale, ma non gli è utile, e non potendo allattare non ricevono neanche stimoli diretti quando accudiscono bambini o cuccioli.
Quindi, se lo fanno è perché sono stati in qualche modo educati a farlo, ma non hanno un vero e proprio “istinto materno” come le donne .

Abbiamo quindi un corpo simile per funzioni, ma con ormoni differenti, quindi con reazioni differenti, in uomini e donne

Per approfondimenti Comunicare bene - ediz psiconline

 

 

 

 

 

 

Giovani, Festa, Binge Drinking
Psicologia e fiabe africane
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://psiconline.it/

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Parafrenia

Sindrome psicotica, caratterizzata da vivaci allucinazioni (per lo più uditive, ma anche visive, tattili, olfattive, ecc.) e da idee deliranti, associate a di...

Sindrome di De Clerambault

La Sindrome di De Clerambault in psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona pro...

Efefilia

Fa parte delle parafilie, nota anche come "feticismo della stoffa". Si tratta di una perversione che consiste nel provare piacere sessuale nel toccare vari tipi...

News Letters

0
condivisioni