Pubblicità

IPER&POST

0
condivisioni

Riti, Carnevale e Globalizzazione

riti carnevale globalizzazioneI riti sono ricorrenze strutturate che coinvolgono l’individuo, la famiglia, il gruppo, il clan, la società, mettono in risalto i costumi, le tradizioni, investono la quotidianità materiale e immateriale.

I riti sono delle forme fondative della vita, coinvolgono i passaggi di iniziazione dalla nascita alla morte, rilevano l’appartenenza, l’identità, il credere religioso.

Ogni cultura è dotata, per la socializzazione all’interno di una certa concezione mitica del futuro, di una serie di rituali che ne perpetuino il mito.

I rituali sono indispensabili per garantire la sopravvivenza dei miti fondativi, della cultura di appartenenza. Sono necessari a favorire l’ingresso di nuovi movimenti culturali che condividano e accettino i miti della società. Attraverso i rituali, la maggior parte delle civiltà sono riuscite a custodire, a rigenerare i paradigmi socio-culturali di base per migliaia di anni.

La globalizzazione al contrario li pianifica, li esporta da una parte all’altra del globo, svuotandoli della loro funzione catartica e sacrale, il rito e il rituale diventano un oggetto da consumare, da godere, usare durante la giornata.

I riti di esportazione maggiormente gettonati nella società globalizzata – Halloween - provengono dalle società dominanti ormai secolarizzate e svuotate dal sacro. I riti come aggregatori sociali sono spogliati dal loro significato magico, animistico, religioso, folclorico, sono diventati dei rappresentati consumistici da vendere, consumare e triturare.

Lo stesso rito del carnevale, che è presente in qualsiasi luogo, segue una sua liturgia ritualistica specifica (celtico, cattolico, protestante), coinvolge la trasformazione della natura col gioco del trasformismo della maschera, che recupera la dimensione inconscia dell’ambivalenza, dell’identità individuale e sociale, è diventato un grande business intergenerazionale.

Pubblicità

Il rito del carnevale è collegato con la creazione, con le divinità che portano caos e fa nascere qualcosa di diverso dall'ordine sterile.

Il carnevale ritualizza il momento precedente alla creazione è fatto di mancanza di giudizio, di libertà totale che mai un umano potrà sperimentare se non limitatamente. Non sempre il carnevale è collegato a tutte le festività e ritualità connesse alla presenza di maschere.

I romani festeggiavano il nuovo anno vestendo un uomo con la pelle di una capra, lo portavano in processione mentre gli astanti lo colpivano con bacchette, lo chiamavano Mamurio Veturio.

Nella cultura babilonese il processo originale della creazione, dopo l'equinozio di primavera, veniva ritualizzato con una guerra simbolica tra il dio Marduk e il drago Tiamat.

Nella società globalizzata viceversa il carnevale è un momento puramente economico, la sua dimensione animistica è completamente censurata, collocata nell’angolo della memoria arcaica, pastorale, agricola, premoderna.

Stanno scomparendo le ritualità di passaggio come i battesimi, i matrimoni, prevalgono forme più commerciali, secolarizzate che razionalizzano l’evento. Lo stesso rito di passaggio dalla vita alla morte si sta spogliando del fantasma, prevale la dimensione della razionalità opportuna, dell’esclusione, della chiusura, della privatizzazione della stessa morte, anche per i costi della stessa. Sono solo delle subculture a ritualizzare l’esorcizzazione della morte.

La perdita della ritualità nella società globalizzata non cancella il bisogno psicologico di impedire la paura, il nuovo, il male, la morte, l’ignoto.

I nuovi sostitutivi degli amuleti, dei santini sono le slot machine, i video giochi, i maghi, gli indovini, i guaritori: sono gli stregoni di questa società globalizzata.

 

Pubblicità

 

 

L'incontro con l'altro...
Sotto il tavolo con il dito in bocca e la mano sul...
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://psiconline.it/

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

L'attenzione

L'attenzione è un processo cognitivo che permette di selezionare stimoli ambientali, ignorandone altri. È quel meccanismo in grado di selezionare le informazio...

Disturbo Istrionico di Persona…

Disturbo di personalità caratterizzato da intensa emotività e costanti tentativi di ottenere attenzione, approvazione e sostegno altrui, attraverso comportament...

News Letters

0
condivisioni