Pubblicità

IPER&POST

0
condivisioni

Spree Killer

Roseburg, Oregon: uccise  10 persone, ferite altre 13 all'Umpqua Community

roseburgPer il Federal Bureau of Investigation (FBI) l'assassino che uccide più persone in un'unica azione esecutiva e in un unico luogo rientra nella tipologia dell'omicidio/suicidio di massa. Lo spree killer o omicida compulsivo è colui che compie un'azione omicidaria in  uno spazio breve e nello stesso luogo. Dopo la strage solitamente lo spree killer si suicida oppure si fa uccidere non deponendo l'arma nel conflitto. L'omicida desidera essere ucciso.

Il mass killer,  che compie questa azione violenta e distruttiva per gli Altri e per Sé, resta nell'ombra fino all'ultimo momento, si mimetizza nella quotidianità, evita di esprimersi pubblicamente, mantiene un  tono basso, si comporta come un solitario, evita di farsi notare fino all'ultimo e nell'ambito familiare si colloca in una posizione marginale. E' tendenzialmente un solitario.

Per la criminologia è un “terrorista sociale” che commette un'azione rivendicativa nei confronti dell'autorità. Il “terrorista sociale” costruisce un paradigma cognitivo in cui attribuisce all'autorità la responsabilità di non essere stata in grado di soddisfare i suoi desideri e prova una intolleranza esistenziale contro ogni forma di autorità e ingiustizia sociale.

Un altro elaborato cognitivo epistemico del mass killer consiste nel deformare, distorcere, destrutturare la dimensione religiosa, etnica, politica, sociale o culturale. L'omicida costruisce un pensiero persecutorio nei confronti delle istituzioni che sono  dei contenitori composti di valori, norme e regole. Tutto questo riguarda il profilo personologico del soggetto.

L'azione omicidaria va  situata all'interno del contesto sociale, culturale, antropologico ed economico del luogo di appartenenza.
C'è un filo rosso che intreccia tutte queste manifestazioni eclatanti che coinvolgono gli spazi sociali frequentati da molte persone come le scuole, le piazze, i luoghi di ritrovo e di culto. Per l'omicida  colpire più persone corrisponde al soddisfacimento di appagare un bisogno megalomanico e  narcisistico. L'evento per essere significativo deve esaltare l'onnipotenza, per far questo necessita dell'amplificazione mediatica. E' un messaggio forte e distruttivo nei confronti del “fantasma “ dell'autorità.  

Questa azione assomiglia a qualsiasi atto terroristico di matrice politica o della criminalità organizzata. Lo scopo, l'obiettivo è  lo stesso: colpire l'autorità, il potere esistente.

Gli omicidi solitari terroristici sono il prodotto di una subcultura che coinvolge la dimensione dell'integrazione, dell'appartenenza, dell'identità.

Questa società competitiva, esclusiva, iperattiva, di self men che raggiungono risultati sociali ed economici importanti involontariamente può far emergere quel bisogno affermativo di Sé negato, attraverso comportamenti che possono sfociare in azioni  distruttive per la comunità e per Sé.

L'omicida uccidendo persone che appartengono alla propria generazione evidenzia quanto si senta arrabbiato, distaccato. L'omicida non sentendosi parte del gruppo decide di commettere un'azione   etero  e autodistruttiva. E' come se solo attraverso l'impotenza e onnipotenza della morte riuscisse a realizzare quel bisogno di essere parte.

 

Lo studente e la cipolla
Perché un blog su Psicologia e Lavoro
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://psiconline.it/

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Raptus

Il raptus (dal latino raptus, "rapimento") è un impulso improvviso e di forte intensità, che porta un soggetto ad episodi di parossismo, in genere violenti, i q...

Sindrome di De Clerambault

La Sindrome di De Clerambault in psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona pro...

Agrafia

Il termine Agrafia deriva dal greco a-grapho (non-scrivo), indica la perdita parziale (paragrafia) o totale della capacità di scrivere, che insieme a quella d...

News Letters

0
condivisioni