Pubblicità

Psicologi a scuola

0
condivisioni

Il suono della campanella

campanellaIl suono della campanella è quello che molti studenti sentiranno in questi giorni, che sancisce la riapertura delle scuole e che nella nostra memoria ha un significato simbolico: ci ricorda l’inesorabile trascorrere del tempo che segnava il passaggio da un’ora all’altra, da un’ora entusiasmante ad una noiosa o terrificante … giacché la scuola  non è solo un luogo di apprendimento ma soprattutto di … emozioni e relazioni.

È indubbio che l’esperienza scolastica rimanga impressa nella memoria di ciascuno, a dispetto del tempo, che cancella tante cose ma conserva i “ricordi di scuola”.

A scuola si intessono nuove relazioni le quali diventano la rappresentazione di un mondo “altro” a quello familiare e allargano gli orizzonti conoscitivi e relazionali:

  • la relazione con i coetanei, dalla scuola dell’infanzia alla scuola superiore, rappresenta una possibilità di incontro con l’altro da sé ma anche di scontro, che, in alcuni casi, può anche causare sofferenza;
  • la relazione con gli insegnanti, adulti di riferimento differenti dai propri genitori: spesso diventano un punto di riferimento, dei confidenti con i quali confrontarsi sui propri momento di smarrimento, o al contrario, vengono detestati per la loro rigidità e il loro anacronismo;
  • le discipline scolastiche stesse, sebbene settoriali, presentano allo studente una “fetta” di saperi, che starà poi alla capacità dei docente aiutare a “digerire” e ad integrare, promuovendo lo sviluppo del sapere critico che dovrebbe possedere ogni cittadino consapevole.

Scrive infatti Gritti (2015): “La propria esperienza di studente, dall’infanzia alla giovane età adulta, rimane impressa nella memoria di ciascuno di noi in maniera vivida [perché] c’è qualcosa di quella esperienza che sostiene il ricordo e che alimenta aspetti della nostra identità …. Sui banchi di scuola si ascoltano storie di eventi, descrizioni di luoghi e circostanze, sintesi di concetti con il tramite della parola dell’insegnante. Ma la parola costruisce una relazione con lo studente che è, al tempo stesso, dialogica e narrativa. Tanto le discipline umanistiche quanto quelle scientifiche sono trasmesse e vivificate da questa specifica forma del legame interpersonale fra docente e studente. Tuttavia ciò che rimane impresso nella memoria non è tanto il contenuto della narrazione quanto la relazione con l’insegnante-narratore. L’effetto è che, molti anni dopo, ricordiamo i nostri anni di scuola non per le nozioni che allora avevamo appreso, spesso del tutto dimenticate, ma per dei legami di allora con gli insegnanti ed i compagni di classe”.

Metaforicamente il suono della campanella vuole rappresentare l’avvio di tale rubrica di psicologia scolastica, nella quale si discuteranno temi di attualità in relazione alla scuola italiana e al dibattito che la anima, cercando di tratteggiare un quadro “impressionistico” focalizzando di volta in volta i temi più significativi di questo mondo variegato.

Non mi resta altro di augurarvi buona lettura, nella speranza di “centrare” gli argomenti di maggiore interesse.

 

 

Il contatto fisico nella seduzione
Laio e Piede Gonfio
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://psiconline.it/

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Paura

La paura è quell’emozione primaria di difesa, consistente in un senso di insicurezza, di smarrimento e di ansia, di fronte ad un pericolo reale o immaginario, o...

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

Sindrome dell’arto fantasma

Il dolore della Sindrome dell'arto fantasma origina da una lesione diretta o indiretta del Sistema Nervoso Centrale o Periferico che ha come conseguenza un...

News Letters

0
condivisioni