Pubblicità

Psicologi a scuola

0
condivisioni

La #buonascuola (1)

labuonascuola1La legge 107 del 2015 denominata “la buona scuola” è balzata agli onori della cronaca negli ultimi mesi.

Le semplici parole con cui è stata designata la legge sono state scelte con cura, in quanto sono di facile comprensione per tutti ma racchiudono una realtà molto articolata.

La scuola, infatti, non è un’istituzione astratta ma è un sistema complesso  e, “come tutti i sistemi complessi, … è costituita da un grande numero di elementi semplici, interconnessi fra loro, in molteplici modi e con dinamiche non lineari; il comportamento dei singoli elementi risulta generalmente ben definito, prevedibile, ma dalla loro interazione può emergere un comportamento globale diverso, difficile da interpretare. Un sistema complesso opera in modo che non si può spiegare come somma delle sue parti, e quindi neanche scomponendo le parti per un’analisi delle varie componenti, ma richiede un approccio sintetico globale. L’esperienza di tutti gli operatori, personale Ata, docenti e di tutti i dirigenti ci dice che la scuola è una somma di variabili fortemente dipendenti ed interconnesse, che interagiscono fra loro, cambiando il peso, l’influenza effettiva dei vari fattori” (Ferretti, L., Chiappa, I., 2013).

Molto si è parlato delle disarmonie di tale legge con il tessuto reale in quanto non risponde e non risolve le molteplici problematiche di questo sfaccettato mondo, giacché, nonostante le indubbie “aperture” alla sollecitazioni del mondo contemporaneo (enfasi sulle lingue straniere, competenze chiave, etc…) tale legge propone una lettura lineare di un fenomeno complesso. Ferretti e Chiappa sottolineano infatti come strutture lineari in sistemi complessi sono alla lunga inefficaci, e portano malessere organizzativo. Qual è il risvolto di tutto ciò? Un’inasprirsi delle dinamiche entro le mura scolastiche che portano le varie componenti coinvolte, in primis docenti e studenti, a vivere in una scuola “non buona”.

Un errore metodologico in tale lettura sta nel vedere la scuola esclusivamente come un’istituzione “razionale”, tralasciano l’aspetto emotivo che ha invece un gran peso. Tale errore metodologico porta a confondere l’aspetto organizzativo con quello “sostanziale”, con quello che effettivamente incarna cioè il vissuto scolastico nella vita di tante persone. Un’istituzione basata sulle relazioni non può non tener conto delle dinamiche emotive che sottendono le dinamiche che vengono a realizzarsi in classe.

La tanto discussa scuola italiana fa notizia quando non funziona e quando i mal servizi pesano sulla vita di tante famiglie, ma spesso tralascia l’esercito di docenti che amano il proprio lavoro e tengono alla crescita dei propri studenti, che talvolta stupiscono i loro allievi con la loro voglia di capire, ascoltare, stare insieme, dando l’opportunità a tutti di crescere con le proprie difficoltà, rispettando i propri ritmi di apprendimento.

La riflessione continua … la prossima settimana.

 

 

Un pò di chiarezza sul linguaggio del corpo
Il quotidiano e il sacro
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://psiconline.it/

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Sindrome di De Clerambault

La Sindrome di De Clerambault in psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona pro...

Trauma

Forte alterazione dello stato psichico di un soggetto dovuta alla sua incapacità di reagire a fatti o esperienze sconvolgenti, estremamente dolorosi come...

Archetipo

“La nostra psiche è costituita in armonia con la struttura dell'universo, e ciò che accade nel macrocosmo accade egualmente negli infinitesimi e più soggettivi ...

News Letters

0
condivisioni