Pubblicità

Psicologia delle Migrazioni

0
condivisioni

La vita che scegliamo

ferrariA volte facebook ci rivela più cose sulle persone con cui abbiamo a che fare di quanto potrebbe fare un test di Rorchach.

Qualche giorno fa mi accorgo all’improvviso che non sono più tra le amicizie di una collega che conosco, un medico che stimo e che è stata anche presente nella commissione che ha giudicato la mia tesi alla fine del corso di specializzazione quadriennale di medicina estetica.

Sì, ho fatto anche quello, mi è sempre piaciuta la medicina estetica. E poiché lavoro da anni con i rifugiati, la mia tesi ha avuto come soggetto i problemi a cui va incontro la “brown skin”.

Ho curato quindi i problemi cutanei di alcuni rifugiati, africani, pakistani, cingalesi, che sono stati molto felici del risultato. Anch’io ne sono stata felice perché la tesi ha avuto anche la lode ed è stata pubblicata. Credo che sia l’unica nel suo genere.

Poiché mi dispiace che la Dott.ssa mi abbia tolto l’amicizia, le chiedo perché.

Lei è una persona molto onesta e mi dice che lo ha fatto perché ha avuto troppi reclami dai suoi amici perché postavo foto non troppo gradite, cioè con immigrati, e questo da fastidio a molti.

“Non ti far rattristare, mi dice, prosegui serena”. Lei però cambia idea e mi rida l’amicizia.

Il giorno successivo, e siamo al giorno dell’attentato a Parigi, mi dice però di non fare commenti sui suoi post. Lo dice con molto affanno e preoccupazione.

“Uno dei kamikaze arrivato con i barconi si era fatto spacciare per rifugiato politico”, mi scrive.

migranti sulle scaleAhime’! A Milano ne abbiamo visti passare 84.000. A volte anche noi viene in mente che non tutti siano angioletti, questo è vero, ma in due anni per fortuna è andato tutto bene. Certo, il futuro non lo possiamo prevedere. Ma ci vuole anche chi li accoglie, li sfama, li cura, cambia i pannolini ai bambini, da l’insulina agli anziani, rassicura le donne incinte.. e tutto quello che volontari ed operatori di 14 associazioni riescono a fare nel centro di accoglienza e smistamento di Milano, nella piccola pausa che i profughi si concedono tra un treno e l’altro.

Questa “amicizia”, data e poi ripresa, e poi ridata, mi ha fatto riflettere più di un sermone di Papa Francesco o un versetto del Corano. Perché non si tratta di parole, ma di azioni.

Da una parte l’occidente ricco, mettiamoci dentro anche gli Stati Uniti, dall’altra il resto del mondo. Da una parte chi vive nella ricchezza ed ha paura di perderla, dall’altra chi muore, senza mai aver avuto la possibilità di sopravvivere. E chi se ne importa?

Si tratta comunque di scelte di vita e non sono io che posso giudicare. Certo se avessi messo sul mio profilo facebook la foto sulla Ferrari che apre questo articolo, ed avessi parlato di feste, cene, vestiti… non avrei avuto problemi.

Ma poiché sulla mia pagina c’è la foto scattata mentre curo i ragazzi eritrei sui gradini di porta Venezia, la mia amicizia non è gradita. Questa è stata la mia scelta di vita.

Alla fine ho bloccato io la mia ex amica su facebook, ma solo perchè lei sia tranquilla.

 

Seguire i nostri valori ci aiuta a vivere meglio
Omicidio e adolescenza
 

Commenti

Già registrato? Login qui
Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://psiconline.it/

0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Akinetopsia

L'akinetopsia o achinetopsia è un deficit selettivo della percezione visiva del movimento. I pazienti con questo deficit riferiscono di vedere gli oggetti in...

Trauma

Forte alterazione dello stato psichico di un soggetto dovuta alla sua incapacità di reagire a fatti o esperienze sconvolgenti, estremamente dolorosi come...

Burnout

Il burnout è generalmente definito come una sindrome di esaurimento emotivo, di depersonalizzazione e derealizzazione personale, che può manifestarsi in tutte q...

News Letters

0
condivisioni