Pubblicità

Bulimia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 3878 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

BULIMIA

La bulimia è, insieme all’anoressia, uno dei più importanti disturbi del comportamento alimentare. L’etimologia della parola “bulimia” deriva dai termini greci boús = bue e limόs = fame, cioè “fame da bue”, il che indica le ricorrenti abbuffate dei soggetti che soffrono di questo disturbo, capaci di introdurre fino a 5000 calorie in un solo pasto.

Durante queste abbuffate, l’ingestione del cibo è compulsiva, con una scarsa attenzione ai sapori.

Lo psichiatra Gerald Russell, studioso dei comportamenti alimentari, fu il primo a dar nome a tale disturbo nel 1979, chiamandola: “bulimia nervosa:una inquietante variante dell’anoressia nervosa”. Il sesso femminile è risultato essere più colpito da questo disturbo, con un’insorgenza attorno alla tarda adolescenza (12/14 anni) o nella prima età adulta (18/19 anni).

Le caratteristiche principali di questo disturbo sono:

  • Eccessi alimentari: un grandissimo bisogno di mangiare senza alcun limite, che si verifica con episodi ricorrenti ed è scatenato da particolari stati d’animo, fatti o circostanze. Il cibo può essere di varia natura: dolci, alimenti ipercalorici, pietanze fredde o addirittura ancora surgelate.
  • Disperati tentativi di contrastare le conseguenze degli eccessi alimentari:  i principali metodi  utilizzati sono le cosiddette condotte di eliminazione, come il vomito autoindotto, l’uso di lassativi o di diuretici. In altri casi, questi comportamenti sono assenti e il mantenimento del peso corporeo è ottenuto mediante l’esercizio fisico esagerato o fasi di digiuno successivo.

Pubblicità

La caratteristica più importante è la paura ossessiva di ingrassare, una paura talmente intensa da far ignorare tutte le considerazioni relative alla salute, all’equilibrio mentale e ai rapporti personali.

Un aspetto fondamentale che accompagna le crisi bulimiche è la sensazione di perdere il controllo di sé: spesso i pazienti  riferiscono una sensazione di estraniamento durante l’abbuffata. Dopo la crisi quasi sempre subentrano senso di colpa e autosvalutazione.

 

Riferimenti bibliografici:

  • Gomez J. (2000) “Tenere testa alla bulimia”. Editori Riuniti.
  • Lingiardi V. (2004) “La personalità e i suoi disturbi”. Il Saggiatore, Milano.

 

 

(Dott.ssa Susanna Mariagrazia)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: disturbi alimentari bulimia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Aplasia

Con il termine Aplasia si intende il mancato sviluppo di un tessuto o di un organo.  Deriva da un disfunzionamento delle cellule o dei tessuti che porta...

Schema corporeo

  Il termine schema corporeo definisce una rappresentazione cognitiva inconsapevole della posizione e dell'estensione del corpo nello spazio e dell'organi...

Intelligenza Emotiva

"Si tratta delle capacità di motivare se stessi e di persistere nel perseguire un obiettivo nonostante le frustazioni; di controllare gli impulsi e rimandare la...

News Letters

0
condivisioni