Pubblicità

Affettività (14629776559)

0
condivisioni

on . Postato in Altro | Letto 1087 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoFilippo, 38

 

D

 

 

Ciao, scrivo perché nella mia normalità mi sento inadatto e soprattutto perché non sto bene così come sto. Sono un uomo di quasi 38 anni. Sono una persona con un'ottima cultura, e sono uno sportivo.


Per l'ennesima volta mi ritrovo solo. Il lavoro che faccio non mi aiuta in quanto spesso sono in ufficio senza nessuno. Abito da solo in una casa in mezzo al bosco (è stata una scelta fatta che mi è sembrata giusta perché mi ha permesso di uscire di casa).


Non ho nessuna relazione affettiva da 15 anni, ho amici e amiche, non sono asociale. Non so perché ma nella mia vita molte scelte mi hanno portato ad oggi. Non so cosa pensare. Credo che il mio stato d'animo sia vicino alla rassegnazione...del tipo:"E' destino che sia così", ecc. ecc.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

R

 

 

Ciao Filippo, leggendo le tue parole, non emerge in maniera chiara, quale sia la tua domanda. Si evidenzia un senso di insoddisfazione generale per la mancanza di un legame affettivo stabile e gratificante.


Tuttavia non è chiaro né il motivo di questa situazione, né la tua richiesta. Non racconti nulla di te, della tua vita, del tuo lavoro,  della tua famiglia, delle scelte che ti hanno condotto a vivere isolato e fare un lavoro in solitudine.


Hai 38 anni e sei solo da 15. Cosa è successo nella tua ultima relazione?  È da quel momento in poi che non ne hai più avute? Come mai ti ritrovi "ancora una volta da solo"? Perché è stato così importante uscire di casa a tal punto da rifugiati in mezzo ad un bosco?


Racconti di avere amicizie e rapporti sociali, cosa, secondo te, impedisce che una simpatia nata in un rapporto di amicizia, si trasformi in qualcosa di più profondo?
Dici di essere rassegnato, ma a cosa? Ad una vita da vivere senza una compagna? Perché? 

Ti sei mai domandato come mai ti accade questo? E se si, Che cosa ti sei risposto? Attribuire tutta la responsabilità ad un cattivo destino, sembra riduttivo e poco rispettoso del tuo stato di sofferenza.


Ti invito, se ne hai voglia, a scriverci nuovamente e spiegare un po' meglio il tuo disagio e ciò che ti è successo, così da poterti dare una risposta che ti indirizzi verso l'inizio di una risoluzione di questo disagio ed a un chiarimento con te stesso.

 

Dr. Alessandra Carini
Psicologo - Psicoterapeuta
E.M.D.R. - Psicologo Forense

 

A cura della Dottoressa Alessandra Carini

 

Pubblicato in data 07/06/2016

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: solitudine stato d'animo destino rassegnazione cultura, inadeguatezza sportivo poche amicizie

0
condivisioni

Guarda anche...

Depressione

Cultura e depressione

La cultura può influenzare il nostro modo di sentire ed esprimere le emozioni? Può uno stesso sintomo o disturbo mentale essere esperito in modo completamente diverso tra le diverse culture? Subito dopo...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Disturbo Schizotipico di Perso…

L'individuo con Disturbo Schizotipico di Personalità presenta tratti di stranezza, eccentricità, così come un marcato e persistente isolamento sociale. Il dist...

Atarassia

L’atarassia (dal greco “ἀταραξία”, assenza di agitazione o tranquillità) è «la perfetta pace dell’anima che nasce dalla liberazione delle passioni» secondo la f...

Atassia

L’atassia è un disturbo della coordinazione dei movimenti che deriva da un deficit del controllo sensitivo. ...

News Letters

0
condivisioni