Pubblicità

attaccamento ossessivo alle nuove conoscenze (1520204778376)

0
condivisioni

on . Postato in Altro | Letto 886 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertogiggia, 23

domanda

 

 

Salve, sono una ragazza faccio parte di una famiglia tradizionale e unita, sono fidanzata da 2 anni e frequento l'università.

Ho sempre avuto questo tipo di problema: quando inizio una nuova conoscenza, un' amicizia, mi attacco alla persona in modo ossessivo penso sempre a lei qualsiasi cosa mi viene in mente lei, mando sempre messaggi risultando anche pesante, crescendo a volte me ne rendo conto e mi blocco ma altre volte anche consapevole di questo non ce la faccio, tutto questo finche non ho la certezza di un punto fisso dall'altra parte, anche se magari ce l'ho dall'inizio non riesco a staccarmi...perchè tutto questo? e cosa può aiutarmi?

grazie

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

risposta

 

 

Salve giggia,

a 23 Lei è nel pieno di un momento importantissimo dal punto di vista evolutivo. Lascia l’età adolescenziale per diventare un giovane adulto. Lei stessa si descrive come appartenente ad una famiglia “unita”.

Il compito di sviluppo di un giovane adulto in questa fase del ciclo vitale è proprio quello di trovare una sua identità al di fuori della famiglia, prendendo e lasciando i modelli familiari appresi nel corso dell’infanzia e dell’adolescenza. Prendendo ciò che reputa che funzioni bene e lasciando opportunamente ciò che risulta disfunzionale alla creazione di una propria posizione in questa mondo.

Gli assolutismi, prendo tutto perché tutto è buono della mia famiglia, o all’opposto, lascio tutto perché nulla di buono ho appreso dalla mia famiglia, non sono funzionali ne tantomeno sono reali. Sono i modelli relazionali appresi in famiglia che influenzano tantissimo la qualità delle relazioni che stringiamo al di fuori del contesto familiare.

Consapevoli delle proprie origini, ognuno ha il compito di trovare (anche faticosamente) il suo personale modo di relazionarsi, prendendo esempio dal modello familiare, mettendoci poi del suo e togliendo ciò che del modello può essere percepito come un ostacolo.

Differenziarsi ed individuarsi è un processo sicuramente difficoltoso e non privo di criticità, ma necessario affinché si possa riuscire a diventare grandi.

Cordialmente

 

Pubblicato il 11/04/2018

 

A cura del Dottor Vito Leone

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: consulenza online gratuita conoscenze attacamento

0
condivisioni

Guarda anche...

Psicopatologia

La sindrome di Samo

La Sindrome di Samo indica il comportamento di persone con manifeste difficoltà nelle relazioni interpersonali che intrecciano storie erotico-sentimentali con soggetti che si trovano in una...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

I gruppi Balint

I gruppi Balint iniziarono verso la fine degli anni ’40 quando fu chiesto a Michael e a Enid Balint di fornire ai medici generici una formazione psichiatrica pe...

Podofobia

Una tra le paure meno conosciute sembra essere la podofobia ovvero la paura dei piedi. Il termine fobia (che in greco significa “paura” e “panico”)&n...

Depressione post-partum (depre…

La depressione post-partum è un disturbo dell’umore che ha inizio entro le prime quattro settimane successive al parto. Se nella maggior parte dei casi la ge...

News Letters

0
condivisioni