Pubblicità

Gaslighting [1597058693287]

0
condivisioni

on . Postato in Altro | Letto 658 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellesperto

barbara, 54 anni

domanda

Buongiorno,

una trentina di anni fa ho (ma in verità abbiamo, noi come nucleo familiare) vissuto uno scarto da parte di una parente stretta e con la quale pensavamo di avere un forte e sano legame affettivo.

Nel tempo questo "scarto" si è un po' ridimensionato dovuto, credo almeno in gran parte, alla personalità dipendente di mia madre, che pur di non perdere
il rapporto con detta persona, l'ha riaccolta a braccia aperte, accettando di essere sempre lei a fare il primo passo verso ogni azione sociale e conviviale.

Io ai tempi ero stata malissimo (attacchi di panico a causa della mia giovane età e non conoscenza di alcun disturbi di personalità), e mi ero ripromessa che una seconda volta non le avrei permesso di arrecarmi tanta sofferenza. Pochi anni fa si è reiterata la stessa dinamica, alla quale ho risposto con il mio allontanamento e ho cercato di parlare con mia madre per mostrarle il lato "perverso" della modalità, da cui a mio parere emergeva la mancanza di affetto da parte di tale parente.

La mia domanda ora è la seguente: può una persona con DNP avere forti tratti narcisistici solo esternamente al proprio nucleo familiare, dove invece è patologicamente e morbosamente iperprotettiva e possessiva?

Se non si tratta di DNP, quale altro disturbo i personalità potrebbe celarsi dietro tali comportamenti?

Grazie per un Vs. aiuto.
Barbara

 

 

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

 

risposta

Gent.le Barbara,

ho letto chiaramente le sue questioni. Mi sembra un po' eccessivo poter fare una diagnosi sulla sua parente poiché ho pochissime informazioni su di lei, sulla sua storia, comunque spesso chi ha una mania di controllo eccessivo e una mania di vivere l'affettività parentale in questo modo ha una problematica di dipendenza affettiva celata da una sofferenza di solitudine.

Molte persone si sentono vuote e vorrebbero vivere la vita degli altri, non apprezzando la propria.

Io non so se davvero ho centrato il problema, ma ritengo più opportuno che tu possa pensare a te stessa imparando a gestire meglio le persone che vivono in questo modo con te, senza rabbia, ma mantenendo un atteggiamento assertivo e non impulsivo ed aggressivo.

Tale atteggiamento rende loro più ossessive e possessive. Ti auguro di poter imparare a gestire queste persone con tranquillità.

Cordiali saluti

dott.ssa Iolanda Lo Bue

 

Pubblicato in data 18/08/2020

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Ipercinesia

Nel disturbo ipercinetico si ha la contemporanea presenza di sintomi quali: la breve durata dell’attenzione, distrazione, iperattività e almeno un sintomo di im...

Il linguaggio

L’uomo comunica sia verbalmente che attraverso il non verbale. Il processo del linguaggio ha suscitato da sempre l’interesse degli studiosi essendo essa una car...

La vecchiaia

Il passaggio dalla mid-life alla vecchiaia è al giorno d’oggi più sfumato e graduale che nel passato, a causa dell’aumento della durata media della vita, del pr...

News Letters

0
condivisioni