Pubblicità

Mi sento fuori dal mondo (1565957029346)

0
condivisioni

on . Postato in Altro | Letto 699 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellesperto

 

carol, 28

domanda

Sono una neo mamma di 28 anni, brasiliana, vivo in italia da quando ne ho 10.
Il mio disagio purtroppo mi segue da quando sono piccola. All'inizio si mostrava in modo abbastanza tranquillo, nel senso che quando sei bambina ti adatti più facilmente alle situazioni e così ho fatto; purtroppo da adulta la voglia e la pazienza sono scemate, l'impegno nel doversi adattare alle persone e alle situazioni è piuttosto stancante.


In poche parole non ho mai trovato persone in grado di interessarmi mentalmente, con le quali posso avere una conversazione appagante e stimolante. Faccio molta fatica ad interagire socialmente appunto perché gli argomenti trattati mi annoiano, non m'interessano, oppure sono prevedibili.

Spesso durante una conversazione finisco mentalmente le frasi e concetti che le persone non hanno ancora avuto il tempo di esporre, e a questo punto avere la pazienza di ascoltarli per ore e mostrami interessata mi porta via molta energia.

Purtroppo mi ritrovo a leggere le espressioni e movimenti di tutti quelli che vedo, sono per me completamente trasparenti, come se riuscissi a vederle dentro, quello che pensano, quello che stanno per dire, quello che nascondono. Questo aspetto peggiora notevolmente la mia situazione: da una parte riesco ad adattarmi meglio, dal momento che posso adeguarmi a seconda della persona che ho davanti, ma dall'altra non sono me stessa e rischio di non riuscire più a togliere la maschera che mi sono creata. Appena inizio a lasciarmi andare capisco che potrei sembrare arrogante o distaccata, e a questo punto torno nei miei passi.

Mi preoccupa molto offendere gli altri, mostrare che in fondo non m'interessano affatto, metterli a disagio oppure non essere di loro gradimento. Credo che sia questo il mio problema e non so come uscirne.

Mi sento sola. A volte parlo con me stessa, mentalmente faccio dei ragionamenti come se stessi argomentando. Vorrei condividerli con qualcuno senza sembrare presuntuosa o fuori luogo.

Faccio un esempio: Ieri ragionavo sull'esistenza di Dio, sono arrivata alla conclusione che Dio è perfezione nel caos. Ora chiamo una amica cara, andiamo a fare un aperitivo e mentre lei è li per rilassarsi, bere qualcosa e parlare dei suoi problemi, io dal nulla inizio a parlare del Big Bang che ha generato il caos che a sua volta genera imperfezione rendendoci schiavi della manipolazione alla ricerca della perfezione e dell'infinito, facendo di noi i carnefici dell'unica cosa perfetta che esista e cioè la natura etc..

E' ridicolo, fuori luogo e presuntuoso! Le persone non vogliono intraprendere questo tipo di conversazioni, vogliono vivere alla giornata, preoccupandosi dei propri problemi e conquiste, delle vite altrui con le quali paragonare alle proprie. Non hanno tutti i torti. A questo punto preferisco ascoltare, faccio in modo che parlino di loro, dei loro problemi e finisco per essere l'amica più fidata, piena di consigli e pronta i risolvere i loro disagi. Paradossalmente sono la miglior amica di tutti!

Il mio aspetto fisico e la mia nazionalità mi sono d'ostacolo nella ricerca di menti affini. Ho 28 anni ma effettivamente sembro molto più piccola, sono brasiliana e di bell'aspetto, il che mi rende facilmente associabile ai soliti prototipi tristi. Non riesco ad individuare i luoghi che potrebbero portarmi a conoscere persone interessanti, e anche se mi è capitato di conoscerne alcune, mi sento a disagio perché so che non si aspettano niente da me.

Due anni fa ho provato ad andare dallo psicologo, ma dopo tre sedute ho finito per osservarlo, i suoi movimenti, come lui guardava i miei e mi copiava, come mi aveva catalogata e ciò che pensava di me. A questo punto non mi sentivo a mio agio ad aprirmi, e quando capii che non aveva più senso proseguire mi regalò un libro che lui stesso aveva scritto sull'interpretazione dei movimenti e microespressioni...

Sono depressa, senza alcun tipo di stimolo e voglia di fare niente. Non trovo che la vita sia divertente, non mi sto divertendo a vivere, è una continua lotta, sono sola, nessuno sembra capirmi laddove io capisco tutti. Non è giusto.
Non mi sento ne italiana ne brasiliana, sono repressa e ho perso anni della mia vita facendo ciò che si aspettavano che facessi.

C'è una via d'uscita?


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


risposta

Carissima Carol,

sei troppo concentrata a cercare la perfezione negli altri che tendi davvero a interrompere il contatto pieno all'interno delle relazioni. Stare con qualcuno significa ascoltare il mondo dell'altro senza giudizi o valutazioni fallaci che ti impediscono di lasciarti andare.

Non puoi pretendere una perfezione da parte degli altri se anche tu riporti dei limiti. Lasciati andare senza paura al contatto pieno, i tuoi argomenti eccessivemente intellettuali o esistenziali potrebbe essere anche meccanismi di fuga per non affezionarti a nessuno, considerando tutte le persone inferiori a te. Ti auguro di riscoprire il valore degli altri nella tua vita. Tutti abbiamo bisogno di tutti.

Cordiali saluti

Pubblicato in data 20/08/2019

A cura della dottoressa Iolanda Lo Bue

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

Tags: consulenza online gratuita relazioni sociali altro

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Personalità

“Esistono bisogni emotivi primitivi, esistono bisogni di evitare la punizione e di conservare il favore del gruppo sociale, esistono bisogni di mantenere l’armo...

Dipendenza

La dipendenza è una condizione di bisogno incoercibile di uno specifico comportamento o di una determinata sostanza (stupefacenti, farmaci, alcol, shopping, Int...

Atassia

L’atassia è un disturbo della coordinazione dei movimenti che deriva da un deficit del controllo sensitivo. ...

News Letters

0
condivisioni