Pubblicità

non è colpa sua (1518381031195)

0
condivisioni

on . Postato in Altro | Letto 965 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoanna, 17

domanda

 

 

Partendo dalla premessa che ho sofferto di bulimia un paio di anni fa, ormai.

Qualche volta mi torna il pallino di non mangiare e vabbeh, è qualche mese che vorrei riprendere il controllo e mettermi a dieta, non estrema secondo me.
Ho un ragazzo a distanza di 22 anni, lui sa di tutto ciò ed è preoccupato troppo, inoltre è convinto che sia colpa sua perché non mi dimostra abbastanza o che lo faccio per lui, quando in realtà non è vero. Ho provato a spiegarglielo più volte, ma niente.


Cosa fare?


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

risposta

 

 

Cara Anna, posso darti del tu visto che sei così giovane?
Mi sembra che il controllo sia il nodo centrale della tua situazione così come la poni.

Dici che per te metterti a dieta significherebbe "riprendere il controllo": su cosa, su chi, su quali aspetti di te stessa o del tuo mondo? Con quale obiettivo? Quali cambiamenti porterebbe alla tua vita?

Il tuo ragazzo si sente in colpa per questo, quindi attribuisce a se stesso la responsabilità, mentre tu ribadisci che la responsabilità di questa decisione è tua: questo è vero. Dici che non lo fai per lui o a causa sua: qual è allora il motivo, o meglio i motivi per cui lo fai?
Ti rispondo con delle domande, come facciamo spesso noi psicologi, perchè guardarti dentro, riflettere sulle tue motivazioni e i tuoi obiettivi, prendere consapevolezza, ti aiuterà molto.

So che ti sto ponendo questioni grandi e complicate, ma tu sei già stata una volta così forte e brava da superare la tua bulimia: cosa ti ha permesso di farlo? Prova a rimetterti in contatto con quella parte di te, con quella tua forza e volontà.

Ti piaci per come sei ora? Hai avuto un momento della tua vita in cui ti piacevi per come eri? Piacersi e accettarsi per come si è non significa non voler o non poter cambiare e migliorare: sei nell'età del cambiamento per eccellenza. Significa però volere bene a te stessa. Te lo meriti, tutti lo meritiamo, da sempre. Prova a trovare o ritrovare anche quel sentimento di amore incondizionato per te stessa, perchè può donarti qualcosa che vale molto più del controllo: la libertà.

Libertà dai condizionamenti esterni e da quelli interiozzati, libertà di essere te stessa, libertà nelle relazioni con gli altri. Alla fine, anche se forse in questo momento ti sembra un'affermazione strana, perfino libertà dal bisogno di avere il controllo.

Essere consapevole di te stessa e amarti per come sei ti sarà utile anche per sapere come fare e cosa dire per portare l'equilibrio nella relazione con il tuo ragazzo: un equilibrio dove ognuno si sente responsabile delle proprie azioni ed emozioni, ma libero da sensi di colpa, consapevole di se stesso ma anche attento all'altro.

Certo, non sono obiettivi che si possono raggiungere dall'oggi al domani, velocemente o senza fatica, oppure seguendo un programma prestabilito come quello di una dieta: qualsiasi conquista importante è una strada lunga e tortuosa che si percorre gradualmente. Va bene così.

Può darsi che un percorso di sostegno psicologico con un professionista della tua zona possa esserti d'aiuto in tutto ciò, se lo desideri.

Cordialmente


Pubblicato il 22/03/2018

 

A cura della Dottoressa Elisabetta Ranghino

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: consulenza online gratuita senso di colpa

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Bulimia

La bulimia è, insieme all’anoressia, uno dei più importanti disturbi del comportamento alimentare. L’etimologia della parola “bulimia” deriva dai termini grec...

Introiezione

Introiezione è un termine di origine psicoanalitica, con il quale si intende quel processo inconscio, per cui l’Io incamera e fa proprie le rappresentazioni men...

Percezione

Tradizionalmente, gli psicologi hanno distinto il modo nel quale noi riceviamo le informazioni dal mondo esterno in due fasi separate: Sensazione: riguarda i...

News Letters

0
condivisioni