Pubblicità

Problemi con i ricordi (1452187372758)

0
condivisioni

on . Postato in Altro | Letto 1402 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoVinicio, 52

 

D

 


Mi chiedo come mai non riesco a conservare fotografie, soprattutto di persone (le mie per prime).

E se poi sono legate a ricordi, nemmeno quelle di luoghi e paesaggi. Dopo un po' le devo cancellare da qualsiasi supporto o archivio.
Grazie per l'aiuto.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

R




Generalmente quando decidiamo di scattare una foto è perchè vogliamo fissare un immagine, una sensazione, un evento da ricordare. Spesso alcune riproducono momenti importanti della nostra infanzia, con i nostri genitori, parenti, amici… viaggi e obiettivi che abbiamo raggiunto o che vorremmo realizzare.

Judy Weiser dice che quando riguardiamo le foto scattate, queste assumono un significato più profondo rispetto al momento in cui sono state scattate da noi o da qualcun altro. Perché inconsciamente (ossia senza saperlo) proiettiamo qualcosa di noi stessi, pezzi della nostra vita, emozioni, sentimenti.
L’immagine di noi stessi riflessa nella foto comunica il permesso di esistere e di essere noi stessi ( Berne), così come siamo con i nostri pregi ed i nostri difetti. A volte ci sono parti del nostro corpo che vorremmo cancellare così come la memoria di momenti vissuti colorati di dolore, sofferenza, rabbia, delusione.

Per trovare una risposta alla sua richiesta le chiedo di riflettere su questa domanda: la sua necessità di cancellare le foto è legata ad una situazione come quella appena descritta? Ricorda la prima volta in cui ha scelto di cancellare una foto?

Il passato è una parte della nostra vita che narra di scoperta, curiosità, crescita, errori ma anche di successi, di relazioni che abbiamo cercato, costruito, alcune delle quali probabilmente si sono interrotte.
Tutti questi tasselli sono scatti che restano impressi nella nostra mente e che possono essere rappresentati metaforicamente anche da luoghi e paesaggi dove una forma, un colore sono associati ad un significato che solo lei attribuisce.
Li possiamo continuare a cancellare, ma essi restano fissi nella nostra memoria. Attraverso alcune tecniche e strumenti della fototerapia, è possibile prendere consapevolezza e dare significato proprio a questo bisogno di cancellare.

Io le consiglio di intraprendere un percorso con uno psicologo-arteterapeuta, che utilizza le foto in terapia per scoprire come il pensare di fermarsi a riflettere su una foto sia un’opportunità per lei di cambiare, ritagliare, modificare quelle parti che non le piacciono o non la soddisfano per creare o aggiungere ciò che desidera e che la fa star bene.

 

(a cura della Dottoressa Silvia Errico)

 

Pubblicato in data 19/01/2016

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: sensazione problemi dolore ricordi sofferenza rabbia delusione fotografie cancellare immagine Berne fototerapia arteterapeuta

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Solipsismo

Il solipsismo (dal latino "solus", solo ed "ipse", stesso, quindi "solo se stesso") è un attaccamento patologico al proprio corpo di tipo autistico o narcisisti...

I gruppi Balint

I gruppi Balint iniziarono verso la fine degli anni ’40 quando fu chiesto a Michael e a Enid Balint di fornire ai medici generici una formazione psichiatrica pe...

Autostima

L'autostima è il processo soggettivo e duraturo che porta il soggetto a valutare e apprezzare se stesso tramite l'autoapprovazione del proprio valore personale ...

News Letters

0
condivisioni