Pubblicità

Ansia e panico (1579815239457)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 705 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellesperto

Mmonic, 17 anni

domanda

Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola faccio fatica a entrare nella mia classe perché mi vengono degli attacchi, non riesco più a respirare non capisco più nulla, non riesco a stare attenta perché è come se l'unica soluzione fosse scappare da quel posto.

Ho smesso di andare a scuola ormai da una settimana non so che spiegazioni dare a mia madre che mi insulta solo da tempo, non ho più un papà a cui chiedere un consiglio mi trattano tutti come se fossi una bambina che non ha voglia di studiare ma non è così. In casa la situazione non è delle migliori e in precedenza ho avuto dei disturbi anche a causa di questo. Mi piacerebbe avere una persona che mi chieda come sto, cosa che non succede da tempo. Mi sento bloccata in tutto e non so come uscirne. Cosa posso fare?

 

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

 

risposta

Cara mmonic,

Gli attacchi di panico sono episodi di improvvisa ed intensa paura accompagnati da sintomi quali palpitazioni, sudorazione, tremore, sensazione di soffocamento, dolore al petto, nausea, vertigini, e, soprattutto, paura di morire o di impazzire.

Gli attacchi di panico sono un’esperienza terribile, spesso improvvisa ed inaspettata e, dopo la prima volta, è presente la paura di un nuovo attacco. Le persone che non li hanno mai provati fanno difficoltà a comprendere il malessere provato dalla persona quando si trova in ambienti affollati, dove non può "scappare", o in luoghi dove ricorda il malessere già provato, e quindi, nei confronti dell'abbandono fisico agito dalla persona sofferente, reagiscono solitamente in malo modo.

Sarebbe molto importante che tu ti rivolga ad uno psicologo che possa aiutarti a capire cosa ci "stia dietro" a questi segnali che il corpo ti sta mandando. Prova a chiedere a tua madre che ti accompagni da un professionista, visto che solitamente c'è bisogno del consenso dei genitori, e così potrà comprendere anche lei la gravità del problema.

Se invece tua madre dovesse ancora sottovalutare la situazione, prova a rivolgerti ad un Consultorio Familiare dove, almeno il primo colloquio, puoi farlo senza che vengano interpellati i genitori.

Cordiali saluti,

dott.ssa Eleonora Mercadante

 

Pubblicato in data 03/06/2020

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Tic

I tic sono quei disturbi, che consistono in movimenti frequenti, rapidi, involontari, apparentemente afinalistici. Sono percepiti come irresistibili, ma posson...

La proiezione

La proiezione è un meccanismo di difesa arcaico e primitivo che consiste nello spostare sentimenti o caratteristiche proprie, o parti del Sè, su altri oggetti o...

Castrazione (complesso di)

Insieme di emozioni, sentimenti e immagini inconsce fissate nell’adulto che non ha superato l’angoscia di castrazione. La riattivazione di questa paura repres...

News Letters

0
condivisioni