Pubblicità

Avere una relazione con una persona che soffre d'ansia (1608137951806)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 598 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellesperto

Carpazia, 30 anni

domanda

 

 

Buonasera,

il più delle volte, giustamente direi, ci si concentra sulla persona che soffre di questa patologia, ma c'è ben poco materiale, soprattutto online, per chi è dall'altra parte della barricata, per chi sceglie di rimanere accanto a qualcuno che soffre di ansie, di paure vere o ingiustificate che siano.

Il mio ragazzo soffre per l'appunto di questo disturbo, e mi interesserebbe capire come potergli essere di supporto nel modo giusto.

Per fortuna non ho mai avuto questo tipo di problemi, mai sofferto di attacchi di panico etc anzi, sono una persona molto sicura e risoluta, perciò mi sento alquanto impreparata in merito.
Non ho nessuna intenzione di sostituirmi al suo psicologo perchè non sono cose che mi competono.

Vorrei solo un aiuto per relazionarmi a chi vive con questi stati d'ansia, alcune volte invalidanti. Un partner cosa potrebbe/dovrebbe fare per essere REALMENTE di supporto? come fare per non sabotare la relazione o la mia tranquillità mentale? non nascondo che alcune volte mi sento come se mi escludesse e questo mi fa pensare che voglia lasciarmi. Lui stesso quando ne parliamo dice che non c'è molto che io possa fare, che non vuole essermi di peso o trascinarmi nei suoi problemi, ma io credo che chi si reputa una coppia debba sostenersi e aiutarsi, non sempre è tutto rose e fiori..

Grazie

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

risposta

 

 

Gent.le Carpazia,

comprendo bene che sia preoccupata per il suo fidanzato, ma ritengo opportuno che l'unico consiglio che può dargli è di richiedere un aiuto psicologico per superare queste paure ed ansie. Inoltre rispetto al vostro rapporto potrebbe essere utile stabilire un dialogo chiaro, esplicitare ogni vostra intenzionalità relazionale, la comunicazione sarà utile per rassicurare le paure del suo ragazzo e piano piano stabilire tra voi una relazione più stabile affettivamente. Non occorre che lei faccia da "crocerossina" di fronte alla situazione con lui, basta soltanto cercare di comprendere davvero di cosa lui abbia paura e poterlo rassicurare, non come una mamma, ma come una fidanzata capace di capirlo. Anche lei non si dimentichi che è un rapporto reciproco e paritario d'amore per cui necessita che anche lui comprenda i suoi bisogni e le venga incontro. Dialogate tanto e parlate delle cose che vi danno fastidio e che non vi fanno stare bene.

Un cordiale saluto

Dr.ssa Iolanda Lo Bue

 

Pubblicato in data 11/01/2021

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: ansia relazione affettiva;

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Androfobia

L’androfobia rientra nella grande categoria delle fobie e viene definita come paura degli uomini. Nelle femmine questa paura tende a determinare un’avversione p...

Sindrome di Stoccolma

Con l'espressione Sindrome di Stoccolma si intende un particolare stato di dipendenza psicologica e/o affettiva che si manifesta in alcuni casi in vittime di ep...

Temperamento

La psicologia definisce temperamento “L’insieme di disposizioni comportamentali presenti sin dalla nascita le cui caratteristiche definiscono le differenze indi...

News Letters

0
condivisioni