Pubblicità

Combattere l'ansia e trovare lavoro (1511900794973)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 3690 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

ansiaIo12, 30

domanda

 

 

Sono un ragazzo di 30 anni, fin dalla gioventù in casa ci sono sempre stati problemi famigliari tra i miei genitori, dall'età delle medie in poi ho iniziato a soffrire di attacchi di panico e paura del mondo e paura di stare male e mi sono isolato sempre più fino a lasciare ragazza,amici e scuola.

Sono stati anni difficili i miei genitori si sono separati con gravi difficoltà economiche per me e mia mamma, ho fatto molte cure da psicologo con pochi risultati e preso
psicofarmaci, la situazione e un po migliorata ma prima quando lavoravo con mio padre riuscivo a gestire un pò più l'ansia.

Ho buona caacità di socializzare ma non ho amici e non ho voglia di coltivare le amicizie...

Sono molto pessimista dato tutte le cose negative successe. Mi vergogno del mio mio problema di ansia e attacchi di panico . Da quando mio padre è andato in pensione e ho dovuto cercarmi un lavoro causa crisi non riesco a lavorare, inizio i colloqui poi un giorno o due massimo di prova con lavori di responsabilità ( perchè altro non trovo non avendo studiato ) e inizio ad andare in tilt ansia costante tachicardia dolori muscolari insonnia, faccio fatica a finire la giornata; come decido di licenziarmi e stare a casa pochi giorni se non un giorno e tutto passa e torno alla mia ansia stazionaria ma non a livelli estremi grazie all'aiuto costante di mia madre.

Il problema però continua ad assillarmi e sono preoccupato per il mio futuro senza un lavoro e con questi problemi, l ultimo lavoro mi hanno pure rimproverato perchè dovevo dirle che avevo questi disturbi cosi non mi prendevano e mi hanno isolato ancora di più.

Come dovrei comportarmi secondi voi e che lavoro è più adatto a chi soffre di ansia e attacchi di panico? come dovrei muovermi per risolvere il problema in maniera fattibile? Grazie.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

risposta

 

 

Caro Io12,
ho letto con grande attenzione la sua lettera che risulta densa di contenuti; provo dunque a riassumerne i punti principali.

A seguito di una situazione familiare delicata, in cui si è trovato ad affrontare la separazione dei suoi genitori insieme a gravi difficoltà economiche, ha sviluppato una rilevante sofferenza interiore che si è manifestata, fin dai tempi delle medie, attraverso attacchi di panico per via dei quali si è ritirato dalla vita sociale/relazionale.

Racconta che in passato, quando lavorava con suo padre, riusciva a sostenere meglio l’ansia ma nel momento in cui suo padre è andato in pensione si è trovato ad intraprendere nuovi lavori affrontando grandi difficoltà  tanto che ha deciso di rinunciare ad attività lavorative che le procurano stati di stress : “inizio ad andare in tilt ansia costante tachicardia dolori muscolari insonnia, faccio fatica a finire la giornata”.

Molti elementi riconducibili alla separazione dei suoi genitori e alle difficoltà economiche sono alla base delle sue attuali difficoltà di natura emotiva e sarebbe funzionale approfondirle con il sostegno di un professionista, in un percorso che possa aiutarla a gestire in maniera più efficace il suo livello di ansia in modo da iniziare a spostare il focus della questione da:

- chiedersi se ci sia un lavoro più adatto per chi soffre di ansia

a :

- chiedersi quale potrebbe essere il lavoro più rispondente alle sue personali attitudini e competenze che la possa far sentire maggiormente a suo agio e che la possa condurre al perseguimento di un obiettivo professionale.

Nel frattempo, per alleggerire il suo carico di malessere interiore, la inviterei a provare  ad interpretare in modo diverso gli eventi negativi e le difficoltà che ha incontrato finora cercando di vederli come esperienze negative che tuttavia possono alimentare la propria crescita interiore, aumentare la capacità di far fronte ai problemi, trovare nuove strategie con l’obiettivo di uscire dalla spirale negativa dell’ansia.

Anche la pratica di un’attività fisica, coltivare degli interessi/ hobbies rappresentano utili strumenti per veicolare le energie emotive  e sostenere il recupero di una dimensione sociale/relazionale.

Tenga presente che è possibile avvalersi  di un aiuto terapeutico anche tramite i servizi istituzionalizzati della sua regione (ASL/Consultori) per ovviare allo scoglio economico.

Se lo ritiene utile può riscriverci per eventuali ulteriori chiarimenti/approfondimenti.
Cari auguri  


Pubblicato in data 05/01/2018


A cura della Dottoressa Arianna Grazzini

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: ansia consulenza online gratuita

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Complesso di Edipo

Il nome deriva dalla leggenda di Edipo, re di Tebe, che, inconsapevolmente, uccide il padre Laio e sposa la madre Giocasta. Nella teoria psicoanalitica, indica...

Binge Eating Disorder

Non si conosce ancora la causa esatta del BED (binge Eating Disorder), anche perché è una patologia da poco individuata e studiata come categoria a sé stante (s...

Transfert

Il transfert è uno dei concetti maggiormente dibattuti in psicologia ed indica il Trasferimento sulla persona dell'analista delle rappresentazioni inconsce prop...

News Letters

0
condivisioni