Pubblicità

Paura dell'impegno o ansia da relazione (1453220915174)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 4083 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoRosy, 27

 

D


Ho bisogno d'aiuto, non ce la faccio più a sopportare questa situazione, non riesco a capire perchè tutte le volte che inizio a sentirmi con una persona inizialmente va bene ma quando le cose potrebbero diventare veramente serie inizio ad avere forti attacchi d'ansia e di panico.

Mi assalgono una paura e un'ansia che crescono man mano che la relazione va avanti e che l’aspettativa di un impegno si fa sempre più grande.
Provo un conflitto interiore tra il desiderio di una relazione seria e quello di mantenere la mia individualità e libertà.

Puntualmente tendo a mollare e rovinare tutto, soprattutto se vengo pressata dagli altri, affinché prenda questo impegno; il panico mi porta a terminare la relazione. Ho bisogno di parlarne con qualcuno che non mi giudichi ma che mi aiuti a capire cosa devo fare, come posso sconfiggere questi sentimenti.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

R

 


Cara Rosy, da quanto scrive sembrerebbe che i pericoli da cui cerca di difendersi (l’ansia e il panico costituiscono forti campanelli d’allarme!) siano la perdita della sua individualità e libertà.
Inoltre il suo riferimento alla pressione di altre persone affinché “prenda l’impegno” e il suo dichiarato bisogno di parlare con qualcuno che non la giudichi, sembrerebbe denotare un conteso relazionale che è fonte di ulteriore rischio per la libertà di decidere serenamente.

Rispetto a alla sua percezione di pericolosità di una relazione seria, reagisce con un comportamento che in psicologia viene definito di “evitamento”, teso cioè a non esporsi a una situazione ritenuta pericolosa. La conseguenza dell’evitamento è, purtroppo, il rafforzamento della convinzione di pericolosità (ancorché ingiustificata), e quindi la reiterazione dell’evitamento.

Probabilmente occorrerà indagare sul perché lei, a priori, concepisce una relazione “impegnativa” come non rispettosa della sua individualità e libertà.  Dovrà anche essere acquisita la  consapevolezza che si ha sempre la possibilità di interrompere una relazione che non ci stia bene, anche se è diventata “impegnativa”.

Tuttavia, data la presenza di una severa sintomatologia ansiosa e il verificarsi di attacchi di panico, è quanto mai opportuno un consulto psicoterapeutico (spesso il primo colloquio è gratuito).

La saluto cordialmente.

 

(a cura del Dottor Giovanni Madeddu)

 

Pubblicato in data 25/01/2016

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: ansia paura attacchi di panico bisogno aiuto impegno evitamento ansia da relazione individualità libertà pericolosità sintomatologia consulto psicoterapeutico

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Intelligenza Emotiva

"Si tratta delle capacità di motivare se stessi e di persistere nel perseguire un obiettivo nonostante le frustazioni; di controllare gli impulsi e rimandare la...

Disturbo Antisociale di Person…

La prevalenza del DAP è pari al 3% nei maschi e all'1% nelle femmine nella popolazione generale, e aumenta al 3-30% in ambiente clinico. Percentuali di preva...

Mania

L. Binswanger (Melanconia e mania, 1960) ha messo in evidenza come nella mania vi sia una destrutturazione della dimensione temporale della vita psichica che no...

News Letters

0
condivisioni