Pubblicità

Possibile anoressia-bulimia (152656 )

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 3014 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Usagi , 16

 

Gentile Dottore,
ho 16 anni e sto incappando in un problema più grande di me.
Apparentemente la mia sembra una vita tranquilla, felice:i miei genitori stanno assieme, sono fidanzata e ho molti amici,ma non riesco ad essere pienamente sincera con nessuno.
Quest'estate io mi abbuffavo di cibo ed ero buona come peso( alta 1:72 e pesavo 62 all'incirca) poi all'inizio della scuola ho iniziato a complessarmi,mi vedevo grassa e ho iniziato a mangiare e a vomitare.
La mattina mangio latte con cereali integrali, a scuola anche se la fame mi distrugge non mangio,arrivo a casa mi abbuffo e quasi sempre facendo attenzione a non farmi sentire da mia madre vomito e se di pomeriggio mangio cioccolata o patatine perdo meno di un secondo a correre in bagno e vomitare, il guaio è che il senso di colpa mi distrugge e pur non volendo vomitare sono costretta a farlo.
Ho deciso di chiederle aiuto perché ho capito che la mia situazione è gravissima, ho letto dei sintomi dell'anoressia e molti li presento: la caduta dei capelli,l'amenorrea,il senso di colpa dopo aver mangiato, la provocazione del vomito,il continuo pesarmi e l'ossessione del controllare le calorie dei cibi. La prego mi aiuti.
Attendo con ansia la sua risposta... grazie in anticipo.
PS: Da qualche giorno ho dei dolori al petto, sono attinenti all'anoressia o bulimia?
Usagi

Cara Usagi,
i sintomi che mi descrivi sono, come tu stessa hai evidenziato, sintomi di bulimia.
Le tue abbuffate derivano dai digiuni ovvero se digiuni per molto tempo hai molta fame e desiderio di dolci (energia pronta all'uso) quindi mangi molti dolci. A questo punto ti senti piena e in colpa e l'unico modo per riequilibrare la situazione è il vomito.
Quando hai vomitato però produci un effetto paradossale per cui hai di nuovo il senso di colpa e la tua autostima viene attaccata. Di conseguenza si sviluppa in te l'idea che non sei in grado di controllarti e quindi la prossima volta che ti trovi di fronte ad un dolce neanche tenti di resistere.
Questo comportamento alimentare ovvero il vomito causa una perdita di vitamine ed elettroliti quindi provochi danni alla pelle e agli organi come il cuore e andando avanti sei sempre più a rischio infarto.
Non vorrei preoccuparti ma le fitte al petto non sono un bel segnale. Inoltre vomitanto fai mancare al tuo corpo i nutrienti, il tuo corpo quindi risponde rallentando il metabolismo e ti fa assimilare tutto quello che metti in bocca quindi devi mangiare sempre di meno per controllare il tuo peso.
In tutto questo l'amenorrea è uno dei sintomi perchè il tuo corpo diminuisce tutte le tue funzioni vitali quindi anche il ciclo mestruale. Attenzione se l'amenorrea permane per un determinato periodo corri anche il rischio di diventare sterile.
Per evitare tutto questo ti consiglio di parlare con i tuoi genitori, di consultare uno/a Psicoterapeuta ad indirizzo cognitivo/comporamentale, il medico di base e un/una dietologa che ti prescriva una dieta che ti permetta di controllare il peso e di assumere tutti i nutrienti che il tuo corpo necessita.
Mi raccomando non c'è tempo da perdere.
Saluti, Mirko Dai Prà

 

(Risponde il Dott.Dai Prà Mirko)

Pubblicato in data 28/08/2012

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Neuropsicologia

“L’importanza teorica della neuropsicologia sta nel fatto che essa permette di avvicinarsi maggiormente all’analisi della natura e delle struttura interna dei p...

Apprendimento globale

L'appredimento globale riguarda il nostro modo personale di affrontare un problema. Come viene appreso l'ambiente intorno a sé e come vengono acquisite nuove...

Agorafobia

Il termine agorafobia viene dal greco e letteralmente significa: "paura degli spazi aperti”. Le persone che ne soffrono temono perciò lo spazio esterno, vissuto...

News Letters

0
condivisioni