Pubblicità

Incompatibilità con colleghi (119370)

0
condivisioni

on . Postato in Lavoro | Letto 909 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Albachiara 57

Sono un'insegnante di scuola elementare ormai prossima alla pensione. Il mio problema è che ho un carattere dispotico con gli scolaretti specialmente se hanno problemi di comportamento o se hanno poca voglia di lavorare; sono alquanto irascibile anche se fondamentalmente non mi sento cattiva, perlomeno non lo sono più di quelle pettegole delle colleghe che sembrano calme ma hanno la supponenza di ritenersi migliori, più capaci pedagogicamente o metodologicamente e lungi dal darti una mano d'aiuto, spettegolano alle tue spalle dicendone di tutto e di più.

Anni fa mi hanno fatto cadere in depressione e ho dovuto ricorrere all'uso di psicofarmaci. La mia domanda è questa: come mai la mia intolleranza verso taluni scolari diventa più marcata quando ho problemi con talune colleghe (per fortuna non sono tutte così, a volte però è sufficiente solo una per farti star male con tutti), fino al punto che spesso alcuni bambini mi temono e altri sostengono che son matta? Sarà vero? Non vedo l'ora di restare a casa lontana dal consorzio umano poichè sono delusa e me la prendo coi piccoli trattandoli come se fossero adulti e capaci di metabolizzare le ingiustizie.

Attendo una risposta anche se mi rendo conto che il mio problema non è grave come quello che si legge o si sente altrove.

 

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

Salve Albachiara quello che mi racconta, seppur doloroso, rientra in quelle che sono le normali interazioni sociali. Esse indubbiamente hanno la loro influenza nello svolgimento della vita quotidiana. Inoltre quando ci ritroviamo in situazioni "stressanti" tendiamo ad irrigidire le nostre difese o meccanismi di coping; questo accade un po' come quando ci troviamo in momenti di sofferenza dove tutto e tutti ci sembrano insopportabili e intolleranti. Quante volte capita di trovarci in situazioni che riteniamo che non ci possano accrescere, anzi, ci deprimono e ci provocano un senso di malessere? Come lei scrive, anche  quando era depressa, vi erano dei rapporti che la facevano soffrire maggiormente.

Per di più è difficile lasciarsi indietro quello che è avvenuto durante la giornata quando si entra in classe. Infine, mi sembra di capire, che per mantenere la disciplina utilizza una modalità che tende all'autoritarismo e se mi permette vorrei passarle questo: il concetto di autoritarismo e di permessivismo, a volte, sono collegate al concetto di potere. Sono modalità che spesso provocano risentimento in chi le attua o in chi li subisce. Se posso darle un consiglio sarebbe meglio dirigersi verso un metodo che esprima l'autorevolezza piuttosto che l'autorità. Sicuramente, da persona intelligente com'è, capirà che non è cosa semplice da mettere in pratica. Penso, comunque, che tale metodica possa portare giovamento all'interno del gruppo classe. Non so se ho risposto al suo quesito. Cordiali saluti.

(risponde il Dott. Lorenzo Flori)

Pubblicato in data 01/07/08

 
 
 

Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 
 
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Coping

In che modo tendiamo a superare gli ostacoli e lo stress che la vita ci sottopone? Attuando strategie di coping!! Dall’inglese to cope (affrontare) il termine ...

Frigidità

Con il termine frigidità si fa riferimento ad una bassa libido, o assenza di desiderio sessuale nelle donne, caratterizzata da una carenza o incapacità permanen...

Anancasmo

Con i termine “anancasmo”, dal greco ἀναγκασμός ossia "costrizione, violenza", ci si riferisce al sintomo delle nevrosi ossessive o compulsive, consistente nell...

News Letters

0
condivisioni