Pubblicità

Comportamento ossessivo compulsivo (1496140548651)

0
condivisioni

on . Postato in Ossessioni e Fobie | Letto 1917 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Marghe, 28le risposte dell'esperto

 

 

domanda

 

 

Salve,

vi scrivo per un problema, credo di tipo ossessivo compulsivo, riguardante mia sorella.

Le spiego, mia sorella da un po' di tempo ha costanti pensieri brutti e si immagina scene che prevedono il "far male a qualcuno".

Questa sensazione la fa stare molto male ma soprattutto la fa sentire in colpa in quanto pensa di essere una brutta persona immaginando queste cose. Lei non ne vuole parlare e dice di riuscire a risolvere il problema da sola, con il tempo. Dalle descrizioni che ha fatto, ho fatto un po' di ricerche e penso si tratti proprio di un DOC.

Inoltre, mia sorella sta pianificando di avere un bambino nei prossimo due anno per cui sono ancora più preoccupata perché credo vivi la situazione con paura.

Volevo chiedere un consiglio su come ci si deve comportare in questi casi.

Vi ringrazio in anticipo della risposta.

Cordiali saluti.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

risposta

 

 

Gentile Marghe,

per poter fare una diagnosi di disturbo ossessivo compulsivo, sono necessari altri elementi da considerare e ,che non compaiono dalla sua narrazione come il periodo di tempo ( un pò ) il contesto in cui sono comparsi, quanto questi sintomi influenzano la vita della persona.

Infatti spesso si confondo preoccupazioni per ossessioni. I contenuti sono gli stessi, ciò che differisce invece è la frequenza e come questi pensieri intrusivi limitano la vita lavorativa, emotiva e sociale della persona.  Sua sorella ha una progettualità e non manifesta paura, sente di avere la situazione sotto controllo.( ...Lei non ne vuole parlare e dice di riuscire a risolvere il problema da sola, con il tempo..mia sorella sta pianificando di avere un bambino nei prossimo due anni ).

Un altro elemento da valutare è il tempo in cui sono iniziati questi pensieri: è possibile che la causa sia una situazione litigiosa, un risentimento, un bisogno insoddisfatto, che porta ad un rimuginare ossia un pensare parole, azioni, gesti diversi dall'azione che si è svolta per ottenere il risultato desiderato.  

Vorrei portare la sua attenzione sul senso di colpa, che nella maggior parte delle situazioni, ogni persona prova dinanzi alla percezione di compiere azioni o avere pensieri o  impulsi che contrastano con i nostri valori o con quelli che abbiamo deciso di seguire. Come comportarsi?

Io le consiglierei anzitutto di rispettare la richiesta di sua sorella, ossia di attendere per raccogliere altre informazioni, con i nuovi elementi affrontati insieme.

Inoltre mentre leggevo ho contattato ansia e paura di non avere il controllo della situazione e di "doversi" prendere cura dell'altro come se quest'ultimo non fosse in grado (...sono ancora più preoccupata perché credo vivi la situazione con paura.)  E' quello che prova anche lei dinanzi a questa situazione?

Lei  usa la parola "credo": quali sono gli elementi che le fanno credere questo? Ha un riscontro oggettivo rispetto a quello che ha osservato?  

La invito a riflettere su questi interrogativi che le permetteranno di prendersi cura della sua preoccupazione rispetto la situazione attuale e di acquistare quella serenità che favorirà la scelta di azioni più funzionali per lei e per sua sorella.

A cura della Dottoressa Silvia Errico

Pubblicato in data 05/07/2017

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: comportamento compulsivo consulenza online gratuita problema male Disturbo ossessivo-compulsivo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Anosognosia

Il termine, che deriva dal greco, significa letteralmente “mancanza di conoscenza sulla malattia”. Per la precisione, “nosos” significa malattia, “gnosis” sta p...

Violenza domestica

La violenza domestica è il comportamento abusante di uno o entrambi i compagni in una relazione intima di coppia, quali il matrimonio e la coabitazione. Second...

Mobbing

Il termine mobbing deriva dall’inglese “to mob” e significa assalire, soffocare, malmenare. Questo termine fu utilizzato per la prima volta in etologia da Konra...

News Letters

0
condivisioni