Pubblicità

Fobie (50645)

0
condivisioni

on . Postato in Ossessioni e Fobie | Letto 406 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sara, 11 anni, 10.06.2002

Sono la mamma di una ragazzina di 11 anni, sono molto preoccupata perchè mia figlia ha paura anzi terrore praticamente di tutto ma in maniera eclatante: dall' ascensore all'aereo, un giorno all' asilo un bambino mangiando il pesce ha inghiottito una spina lei per anni non ha piu' mangiato il pesce, e cosi è successo con il prosciutto perchè un giorno mangiandolo gli si era fermato in gola e non riusciva più a manarlo giù. Inoltre una sua grande paura è quella che io stia da sola, vorrebbe che qualcuno sia sempre con me. Siamo una famiglia di tipo allargato suo padre dal primo matrimonio ha avuto 2 figli e così pure io, insieme abbiamo avuto lei e un altra bambina di otto anni e mezzo uno dei dui figli di mio marito vive con noi mentre la sorella vive in germania con sua mamma. Il rapporto con i fratelli è praticamente stupendo, non prendono neanche in considerazione la parola fratellastri. L'unica cosa che è successsa e che per lei è stata traumatica risale a circa 7 anni fa quando la sorella di allora 11 anni che viveva con noi è stata praticamente rapita da sua madre e alla quale lei era legatissima infatti dopo questo episodio mia figlia ha avuto l' alopecia. L'ho portata dallo psicologo e dopo varie sedute mi ha assicurato che la bambina l' aveva ormai superato, l' alopecia in effetti poi è scomparsa e tutto è tornato alla normalità. Premetto che adesso anche il rapporto con la mamma di sua sorella è tornato buono e che con sua sorella ha un rapporto bellissimo anche se a distanza. La prego so che avete molte domande a cui rispondere ma sono molto preoccupata per mia figlia perchè so che queste fobie possono causare altri disturbi in futuro e io non so come aiutare mia figlia a fargli superar e questo probblema. Vi ringrazio anticipatamente Giulia.

Nella risposta partirei proprio da queste ultime affermazioni. Le sue preoccupazioni ed ansie sono eccessive, non credo si possa stabilire che in futuro emergeranno disturbi veri e propri. Anzi, avere fiducia è già una precondizione importante.Certamente è da mettere in pratica un buon ascolto delle problematiche della ragazzina (tra l'altro, all'età di, 11 anni sta vivendo un periodo di cambiamenti repentini) aiutandola a elaborare le preoccupazioni alla base delle fobie. Le fobie rappresentano delle paure, che rischiano di permanere a lungo, ascoltarle permettendo la loro catarsi e lo sfogo completo di tutte le tensioni, può essere un ottimo traguardo. Soprattutto sono da ascoltare le emozioni che si sono strutturate e che creano disagio. Il consiglio è di avere più sicurezza nelle proprie capacità di aiuto, di praticare un buon dialogo ( è sempre la medicina migliore). Solo nel caso che le fobie permanessero ancora a lungo, potrebbe rivolgersi a un collega psicologo della sua zona, però solo dopo aver provato a risolvere da sola (magari con l'aiuto di qualcuno della sua famiglia allargata)il problema. Auguri.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Paranoia

La paranoia è una psicosi caratterizzata dallo sviluppo di un delirio cronico (di grandezza, di persecuzione, di gelosia, ecc.), lucido, sistematizzato, dotat...

Percezione

Tradizionalmente, gli psicologi hanno distinto il modo nel quale noi riceviamo le informazioni dal mondo esterno in due fasi separate: Sensazione: riguarda i...

Violenza domestica

La violenza domestica è il comportamento abusante di uno o entrambi i compagni in una relazione intima di coppia, quali il matrimonio e la coabitazione. Second...

News Letters

0
condivisioni