Pubblicità

Fobie e ossessioni (127777)

0
condivisioni

on . Postato in Ossessioni e Fobie | Letto 627 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Emilia 21

Gentile Dottore le scrivo perchè vorrei un prezioso aiuto da parte vostra e spero di trovarne risposta. Inizio con il dirvi che è dall'età di 15 anni che soffro d'ansia con la quale però ho imparato a conviverci. Il fatto è un altro, qualche mese fa, precisamete nel mese di Luglio, mentre stavo per coricarmi, nella mia testa sono iniziati a frullare dei pensieri e il mio cervello aveva degli istinti per fortuna non impulsivi a compiere atti come buttarmi dal terrazzo cosa che non arriverei mai a fare e da lì non sono stata più in grado di rimanere sola in casa. L' istinto cresceva sempre di più tanto che non potevo rimanere sola nel letto, più passavano i giorni e più la paura cresceva arrivai a pensare di poter far del male anche alle persone che amo di più nella mia vita cioè i miei genitori mio fratello ed il mio ragazzo. Passata anche la vacanza in agosto e tornata a casa la mia situazione la feci cambiare di mio proposito, affrontai la paura della notte e quella di restare in casa da sola riuscendo piano piano a non avere più nulla e di tornare alla vita di prima. Oggi mi ritrovo a scriverle perchè sono un pò di giorni che ho di nuovo questa paura che mi da terrore e panico, premetto che non ho avuti traumi, ho una bella famiglia e un bel fidanzato e li amo tutti e soprattutto che non compierei mai un gesto simile proprio perchè amo la vita! Solo che la paura di non riuscire a controllare il mio istinto è troppa e non mi da modo di star tranquilla. La sera prima di coricarmi prendo una pasticca di Valeriana ma sento che nemmeno più quella riesce a tranquillizzarmi quando chiudo gli occhi e vedo me cadere dal terrazzo, la scena della finestra che rimane aperta e i miei genitori che mi cercano. Ora io le chiedo gentilmente il suo aiuto disperatamente un suo consiglio riguardo la cura da uno psicologo e come superare questa orrenda fase, senza compiere atti del genere, la prego mi aiuti lei, perchè la prima volta che mi è successo ho avuto il coraggio di raccontarlo ai miei ora no perchè penso di non dovergli ulteriori preoccupazioni.

Carissima Emilia, vista l’ansia e la paura che questo tipo di pensieri ti procura, credo sia il caso di rivolgersi ad uno/una psicoterapeuta per capire a cosa siano legati, da dove vengano e per risolverli una volta per tutte. E’ evidente che qualcosa dal tuo inconscio sta parlando, ed è bene decifrarne il significato. Sembrerebbe che ci sia qualcosa nella relazione con i tuoi familiari che non va. Non necessariamente un trauma subito, o qualcosa che riguardi loro o i loro comportamenti; è più probabile che ci sia qualcosa dentro di te che non hai elaborato o che non hai saputo riconoscere o ascoltare, un’insoddisfazione, un’insicurezza rispetto agli affetti, della rabbia irrisolta o celata. Quando i contenuti sono inconsci ovviamente la coscienza non li sa riconoscere o vedere, per questo è importante fare un lavoro su di sé. Non avere paura, vedrai che ti piacerà scoprire delle cose in più di te stessa e stai tranquilla che risolverai velocemente questa situazione. Trovati una persona con cui lavorare (puoi guardare sul sito di psicologi-italiani, collegato a psiconline, per dei nominativi) o puoi chiedere ad amici o conoscenti se hanno un riferimento da darti.

risponde la Dott.ssa Elisabetta Corberi)

Pubblicato in data 06/11/08 Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di paure/fobie per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Lallazione

Indica quella fase di sviluppo del linguaggio infantile, che comincia all’incirca intorno al quarto-quinto mese di vita, e che consiste nell’emissione di suoni...

Frigidità

Con il termine frigidità si fa riferimento ad una bassa libido, o assenza di desiderio sessuale nelle donne, caratterizzata da una carenza o incapacità permanen...

Apprendimento globale

L'appredimento globale riguarda il nostro modo personale di affrontare un problema. Come viene appreso l'ambiente intorno a sé e come vengono acquisite nuove...

News Letters

0
condivisioni