Pubblicità

Ossessione (1470410194189)

0
condivisioni

on . Postato in Ossessioni e Fobie | Letto 1121 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoMonicap,  50

D

 

Non ho mai sofferto di depressioni o fobie varie e  mi trovo in una situazione assurda.

Mia figlia che ora ha 25 anni è stata dai 19 ai 22 anni con un ragazzo che mi piaceva molto, bello, bravo, educato, serio di ottima famiglia.

Insomma il classico ragazzo da sposare. Dopo 3 anni si sono lasciati forse perchè troppo giovani volevano fare  altre esperienze. Per un anno si sono rivisti ogni tanto e sentiti poi  lui si è messo con la figlia di una mia amica.
Da allora non ho più pace. Ho visto mia figlia all'inizio soffrirne poi piano piano ne è uscita e ora ha un nuovo ragazzo, anche lui molto bravo serio educato.

 Io però sono rimasta attaccata a questa cosa e ho continuato a spiare i profili facebook e instagram dei ragazzi nella speranza che si lasciassero.

Non mi riconosco più! Non mi è mai successa una cosa simile.Ci penso in continuazione, è diventata un'ossessione.

Ovviamente non ho mai parlato con nessuno di tutto questo e solo ora trovo il coraggio di scrivere a voi. Ho bisogno che qualcuno mi aiuti e mi dia un consiglio.

Grazie

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

R

 

 Gentile Monicap,
è certamente comprensibile l’espressione di uno stato di preoccupazione e ansia di una mamma nei confronti della propria giovane figlia e delle sue personali scelte sentimentali.

Sua figlia dopo una iniziale sofferenza dovuta alla fine della relazione ne è uscita ricostruendosi una nuova dimensione sentimentale con un altro ragazzo, da lei definito peraltro molto bravo serio ed educato, dunque una situazione che non dovrebbe fare rimpiangere la precedente.

Perché non provare a pensare a quali possono essere gli elementi che tengono invece legata lei all’ex fidanzato di sua figlia?

Se il suo interesse è diventato una ossessione che si manifesta attraverso il controllo dei profili dei ragazzi sui social network  ci devono essere dei fattori per lei
evidentemente molto significativi e rilevanti che la inducono a coltivare questo pensiero in modo continuo.

Provi a riflettere e ad approfondire quali effettivamente siano le sue personali motivazioni e l’origine di quella che lei definisce una “ossessione”.

Provi contestualmente ad immaginare come si sentirebbe se non potesse più avere il controllo della situazione tramite i social.

Questi interrogativi sono finalizzati ad aiutarla a fare chiarezza in se stessa. 
      
Un caro augurio per una positiva risoluzione del suo attuale stato di disagio.

 

(A cura della dott.ssa Arianna Grazzini)

 

Publicato in data 07/09/2016

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: ansia preoccupazione disagio, ossessione socialnetwork risoluzione

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Disturbi di Personalità

Con il termine Personalità si intende l'insieme dei comportamenti di un individuo, il suo modo di percepire se stesso, gli altri e la realtà, il modo di reagire...

Pregoressia

È un disturbo alimentare, noto anche come mammoressia, legato all’ossessione di tornare subito in forma dopo il parto Non si tratta di un deficit contemplato n...

Longininfismo

Carattere degli organi sessuali femminili determinato da un grande sviluppo delle piccole labbra (o ninfe), le quali protendono all’esterno delle grandi labbra ...

News Letters

0
condivisioni