Pubblicità

sentirsi sempre inadeguata.....[1598797293293]

0
condivisioni

on . Postato in Ossessioni e Fobie | Letto 633 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellesperto

ELENA, 60 anni

domanda

Salve !

Sono una donna di mezza eta' , avrei dovuto a questo punto aver risolto i miei problemi, invece proprio per niente !
Tutta la mia vita è stata difficile da vivere , pesante, soprattutto per essermi sentita in qualunque ambiente, sempre inadeguata e infelice per la mia incapacita' a relazionarmi con gli altri e a farmi delle amicizie !

Ho sempre aggirato gli ostacoli, ho sempre fatto finta di niente, ho sempre pensato che alla fine non me ne fregava niente di stare da sola, invece non era cosi' , non e' stata davvero la vita che avrei voluto !
Il problema vero e' che proprio non ce la faccio , mi sento sempre un pesce fuor d'acqua e impacciata nelle relazioni con gli altri !
Evidentemente questo disagio, questa difficolta' anche gli altri la percepiscono e il risultato è stato quello di essere la persona piu'
sola del mondo ! Sono sposata , ho due figli ormai grandi con la loro vita , la relazione con mio marito è in crisi assoluta (45 anni di matrimonio) e posso sicuramente dire che la mia vita è stata deludente e asettica !

Se posso dare qualche informazione su me stessa ,posso dire che ho sempre lavorato , ho cresciuto bene due figli , ho cercato di essere una buona compagna , ma poi per tutto il resto? Una vita senza amicizie, senza contatti sociali , senza una vera amica. Questo atteggiamento, questa mia difficolta' a relazionarmi mi ha perseguitata tutta la vita e ancora adesso sono in questa condizione. Sono abbastanza pessimista sul riuscire a cambiare le cose , ma vorrei perlomeno provarci!

Da quasi otto mesi io e mio marito abbiamo cambiato casa, citta' , regione per avvicinarci a nostro figlio , dal momento che mio marito e' finalmente andato in pensione . Quindi niente, qui ancora piu' tabula rasa, perchè perlomeno dove abitavo prima andavo a fare del
volontariato , quindi bene o male alcuni rapporti li avevo . certamente amichevoli ma non sicuramente amicizie. E niente, cos'altro dire? Che mi sento veramente sola e dimenticata da tutti ! Ah una cosa, ho gia' chiesto qui in zona a qualcuno se era possibile fare del volontariato , ma per il Covid diciamo che è tutto in sospeso ! C'è una via d'uscita?
C'è qualcosa che potrei fare per cambiare le cose? C'è una soluzione?
Vorrei comunque farvi un piccolo esempio sul mio atteggiamento nei confronti degli altri.

Un ex collega di mio marito era in vacanza con la famiglia nei dintorni della citta' dove abitiamo attualmente e sarebbe passato a trovarci per farci un saluto! Beh, quando sono arrivati io sono uscita da casa , con la scusa di andare a fare la spesa,pur di non incontrare queste persone che carinamente venivano a trovarci con le due bambine. Vi sembra un comportamento normale? No, non è piu' possibile
una cosa del genere, non è ammissibile !

Sono stanca, stufa, delusa da me stessa vorrei cambiare, ma non ce la faccio proprio ! Aiutatemi in qualche modo !

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

 

risposta

Cara Elena,
Non è mai troppo tardi per cercare di stare bene. Complimenti per la sua capacità e coraggio di mettersi in gioco, ancora più preziosi proprio perché arrivano dopo lunghi anni trascorsi senza riuscirvi.
Lei si sente inadeguata rispetto a chi, a che cosa?
Nelle sue parole colgo una forte tendenza ad auto-giudicarsi, a ragionare in base a ciò che "dovrebbe" essere, come se lei si guardasse sempre attraverso gli occhi degli altri. Chi ha deciso lo standard con cui lei si confronta costantemente?
Sono distante dalla realtà se mi permetto di ipotizzare che lei finora abbia vissuto in funzione degli altri?
Mi sembra che lei finora abbia regolato se stessa e la sua vita in base a ciò che pensava essere le aspettative degli altri, i bisogni degli altri, l'immagine che gli altri avevano di lei. Ha fatto di tutto per corrispondere al ruolo di una moglie e una madre esemplare, ha sopportato tante difficoltà, e nel suo tempo libero ha continuato a dedicarsi agli altri con il volontariato.
Con il risultato, forse, di perdere se stessa.
Possiamo costruire relazioni autentiche, paritarie, gratificanti e complete solo se stiamo bene con noi stessi, e questo vale anche per le amicizie.
Ciò che le consiglio è di ripartire da se stessa, di cominciare a mettersi al centro, di abbandonare i sensi di colpa. Faccia ciò che ama, disponga del suo tempo come se fosse una gigantesca, titanica somma di denaro. Si è presa tanto cura degli altri, provi ora a prendersi cura di se stessa. Cosa la appassiona? Cosa desidera?
Il resto verrà di conseguenza. Una passione in comune, ad esempio, è un ottimo catalizzatore di amicizie, soprattutto tra persone appagate e in pace con se stesse.

dott.ssa Elisabetta Ranghino

 

Pubblicato in data 02/09/2020

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: difficoltà relazionali,

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Transfert

Il transfert è uno dei concetti maggiormente dibattuti in psicologia ed indica il Trasferimento sulla persona dell'analista delle rappresentazioni inconsce prop...

Agnosia

L'agnosia (dal greco a-gnosis, "non conoscere") è un disturbo della percezione caratterizzato dal mancato riconoscimento di oggetti, persone, suoni, forme, odor...

L’adolescenza

L'adolescenza (dal latino adolescentia, derivato dal verbo adolescĕre, «crescere») è quel tratto dell'età evolutiva caratterizzato dalla transizione dallo stato...

News Letters

0
condivisioni