Pubblicità

I blog di Psiconline

0
condivisioni
Parliamo di Psicologia insieme ai nostri amici online...

ATTENZIONE: Per poter votare i post presenti o per lasciare un commento è necessario prima registrarsi oppure effettuare il login (puoi farlo cliccando sul lucchetto nella barra che segue). E' anche possibile accedere con il proprio account Facebook.

Il Sogno del Faraone

Giuseppe e il sogno del Faraone RaffaelloLa narrazione mediatica attuale di questa quotidianità sembra essere tratta dal libro dell'Apocalisse: cadono ponti, si sbriciolano paesi a causa del terremoto, si inabissano terre sotto l'effetto di maremoti, tsunami si abbattono violentemente su spiagge affollate, piovono bombe su città desertiche abitate da migliaia di persone che vagano alla ricerca di un soffio d'aria.

E' come se il nuovo millennio avesse iniziato il suo cammino sotto il segno della profezia delle sette vacche  magre. Serve Giuseppe.

Giuseppe era il figlio prediletto di Giacobbe e fu venduto come schiavo agli egizi dai fratelli invidiosi. Il “Sogno del Faraone” con la metafora delle vacche grasse e magre   evidenzia la dimensione ciclica dell'evoluzione: progresso-regressione, recessione-sviluppo, pace-guerra, ricchezza-povertà, stabilità-precarietà, indigeno-straniero, amico-nemico. 

Continua a leggere
  2428 Visite
2428 Visite

Il germe della contenzione

contenzioneLa società attuale con la scoperta di world wide web può permetteresi di possedere una memoria automatica sempre a disposizione su ogni argomento e delle banche dati articolate.

Gli individui  per qualche strana paura alchemica di essere posseduti dal mantra onnisciente delle tre w, si sono  inventati la giornata della ricorrenza. Infatti, ogni giorno il  calendario gregoriano evoca un evento da ricordare.

C'è anche la giornata mondiale della salute mentale però non quella  contro la contenzione.

Continua a leggere
  1498 Visite
1498 Visite

Agnosia visiva contemporanea

no alla guerraC'è un silenzio profondo che si aggira nel vecchio continente e nel nuovo, è il silenzio dei movimenti, dei raduni spontanei di massa contro le guerre dell'altra parte del Mediterraneo, della Crimea o dei crimini del continente africano. I movimenti per la Pace sono scomparsi, come se non fossero mai esistiti. Le marce per i diritti dei neri in America di Martin Luther King o quelli di Gandhi sono soltanto ricordi arrotolati sui nastri archiviati in cineteca.

Prevale l'individuo informe, indistinto, quasi qualunque che accede al grande schermo della rete per vedere, leggere la realtà reale fatta di barconi che sbarcano sulle coste, quella che sgancia bombe democratiche su città distrutte, quella dei bambini soldato che si fanno saltare come bombe ad orologeria sua ordine di padri criminosi, quella delle guerra asimmetrica.

Continua a leggere
  1304 Visite
1304 Visite

Il rossore della bugia

bugiaSulle sponde del Mediterraneo stanno accadendo fatti agghiaccianti per l'umanità. Le democrazie europee  e le altre potenze economiche stanno giocando la loro partita posizionando le varie pedine sulla scacchiera in funzione dei singoli interessi, mentre una moltitudine di persone è costretta a lasciare le proprie terre per scappare dalla morte e dalla distruzione.

I media di queste potenze 'democratiche' -TV, radio, giornali e network – descrivono questa  storia  in difesa dei propri scopi rimuovendo o manipolando attentamente la realtà. Le bugie, la bugia in questo caso è accettata anche dalla popolazione.

Continua a leggere
  1581 Visite
1581 Visite

Il bacio. Rivelatore di piacere e di pericolo

Klimt The KissIl bacio è un atto che coinvolge il comportamento animale e umano. Il bacio è selettivo, favorisce la sopravvivenza e l'evoluzione della specie.

L'origine del bacio coincide con l'atto alimentare della madre nei confronti del nascituro.

La fotografia primordiale del bacio è fissata nel momento in cui la madre, masticando il cibo, trasformandolo in bolo alimentare (impasto) lo mette in bocca al neonato. E' un atto presente nei volatili, nelle scimmie, negli animali.

E' un comportamento che è osservabile anche nella società ipermoderna e globalizzata. La bocca per i bambini è il contatto con l'altro, con la madre, con gli oggetti. La bocca è la prima tappa nell'apprendere a discriminare ciò che piace da ciò che non piace e serve per selezionare gli oggetti e le persone. La bocca è il primo transito arcaico della conoscenza biopsicologica.

Continua a leggere
  4015 Visite
4015 Visite
0
condivisioni

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Aprassia

L'aprassia (dal greco "a" prefisso di negazione e "praxía", cioe' fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell’attività motoria, che compare spe...

Aplasia

Con il termine Aplasia si intende il mancato sviluppo di un tessuto o di un organo.  Deriva da un disfunzionamento delle cellule o dei tessuti che porta...

I ricordi flashbulb

Le flashbulb memories (FBM o ricordi flashbulb) sono state definite per la prima volta da Brown e Kulik nel 1977 come ricordi fotografici vividi, dettagliati e ...

News Letters

0
condivisioni