Pubblicità

Studio difficile (1444817769346)

0
condivisioni

on . Postato in Altro | Letto 1059 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoReina, 30

 

D


Salve vi scrivo perché sono di fronte a una decisione difficile.


Sono mamma di un bimbo di un anno. Fin da piccola mi piaceva studiare e sono anche brava.
Sono ucraina e vivo in italia ormai da 20 anni, ho preso il diploma qui e mi sono iscritta all' università. Il primo anno tutto è andato benissimo: ho dato 3 materie con la media del 28 e poi niente.
Adesso sono passati 4 anni, voglio riprendere gli studi però sono scoraggiata. Sono già fuori corso, vale la pena studiare in questa situazione? Nel mondo del lavoro cercano facce giovani e io, essendo trentenne, ho poche possibilità. Mi sento sconfitta, come se fossi morta dentro!! datemi un consiglio!!!

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

R




Gentile Reina,
non vedo perché debba essere scoraggiata: credo che studiare in primo luogo sia una soddisfazione personale, sia un'occasione di apprendimento che arricchisce la persona, fornisce strumenti per interpretare la realtà che si vive, non sempre si può correlare il titolo di studio con il mercato del lavoro, anzi.
In origine le università erano luoghi nei quali studiosi di determinate discipline si incontravano per scambiarsi conoscenze e forse il vero significato di università è ancora questo. Oggi si cerca di piegare l'università alle esigenze del mondo del lavoro, ma è uno sforzo che raramente può premiare: ad esempio, in particolare nelle discipline cosiddette scientifiche, l'evoluzione tecnologica realizzata dall'imprenditoria non può essere trasmessa "in tempo reale" nelle università, forse occorrerebbe che le università fossero in grado di fare ricerca di base.....ma... Personalmente le consiglierei di coltivare i suoi interessi, prescindendo dall'utilizzo immediato, privilegiando la crescita personale: sono convinta che l'età non sia un problema a fronte di una competenza eccellente.
Augurandole ogni successo, la saluto.
S. Bertini

 

(a cura della Dottoressa Susanna Bertini)

 

Pubblicato in data 09/11/2015

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: mamma studio difficile decisione studiare ucraina

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Cherofobia

Il termine cherofobia deriva dal greco chairo “rallegrarsi” e phobia “paura”. La cherofobia o "edonofobia",  può essere definita come l’avversione patologi...

Raptus

Il raptus (dal latino raptus, "rapimento") è un impulso improvviso e di forte intensità, che porta un soggetto ad episodi di parossismo, in genere violenti, i q...

Manierismo

Questo termine sta ad indicare un uso dei mezzi espressivi eccessivo e sovraccarico, cioè una mimica, un comportamento ed un linguaggio privi di naturalezza o s...

News Letters

0
condivisioni