Pubblicità

Fobie varie (146514)

0
condivisioni

on . Postato in Ossessioni e Fobie | Letto 769 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Melania 30

 

Salve, sono una ragazza di 30 anni con una vita normalissima ma compromessa da disturbi fobici che nell'ultimo anno si sono bruscamente accentuati.
Non ho mai avuto paura di nulla in particolare, mentre da qualche tempo soffro di qualsiasi tipo di disturbo come claustrofobia, paura della solitudine, di sentirmi male, e soprattutto di una fastidiosissima agorafobia che non mi sta piu permettendo di vivere la mia vita tranquillamente. Adoro il mare,è la mia passione, ma il solo pensiero di starci in mezzo lontano dalla riva e trovarmi senza un punto di appoggio e soprattutto vedere tanta acqua attorno a me mi fa sentire paradossalmente soffocare. Dovrebbe darmi un senso di libertà, di benessere visto che odio i luoghi chiusi ma al contrario mi sento morire e mi manca il respiro. L'ultima volta mi venne un vero e proprio attacco di panico grave.
Per completare la felice lista delle mie fobie, l'ultima, la nuova arrivata, quella della paura della lontananza da casa. Non prendo piu l'auto se accanto a me non c è qualcuno che mi faccia compagnia e che sia patentato (temo di sentirmi sempre ed improvvisamente male senza un motivo). Inoltre la distanza da casa mia mi mette molta ansia e non mi fa vivere tranquilla. Mi sento come una bambina che ha costantemente bisogno del sussidio di qualcuno. Mi sento così inutile credetemi.
Tutto ciò a parte che rendermi la vita seriamente difficile, mi fa stare male anche fisicamente poichè spesso mi sento debilitata, e ho senso di nausea e attacchi di tachicardia inspiegabili.
Chiedo col cuore che possiate darmi un aiuto in merito, ne ho veramente bisogno, non vivo più bene.
Non può continuare cosi,ditemi cosa devo fare. Grazie

 

/>Cara Melania, come tu stessa affermi, sei una ragazza normalissima, ma, appunto, la tua vita è  compromessa da episodi d'ansia come la fobia e attacchi di panico. Quello che provi è la paura della paura, ossia,  si sviluppa una paura che gli episodi fobici e ansiogeni che hai provato, si possono ripetere, e tutto ciò diviene un circolo vizioso.  Necessariamente per far fronte a tale condizione vi è un forte dispendio di energie che ti debilitano fisicamente e mentalmente, poichè sei attenta ad individuare qualsiasi segnale o situazione che possa provocare un nuovo attacco. Ti consiglio di rivolgerti presso uno psicoterapeuta cognitivo-comportamentale che ti aiuti  a livello cognitivo ad elaborare i pensieri da cui si originano tali paure e nel correggere le risposte comportamentali verso l'ambiente che ti circonda. Un Caro saluto.

 

(Risponde la Dott.ssa Liotino Marianna)

Pubblicato in data 21/11/2011
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Paure e Fobie per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Isteria

L'isteria è una sindrome psiconevrotica, caratterizzata da manifestazioni somatiche e psichiche, che insorgono generalmente sulla base di una personalità isteri...

Noia

La noia è uno stato psicologico ed esistenziale di insoddisfazione, temporanea o duratura, nata dall'assenza di azione, dall'ozio o dall'essere impegnato in un...

dipendenza da shopping

La sindrome da acquisto compulsivo è un disturbo del controllo degli impulsi che indica il bisogno incoercebile di fare compere, anche senza necessità, ed è anc...

News Letters

0
condivisioni