Pubblicità

Effetti della separazione consensuale (1516562874427)

0
condivisioni

on . Postato in Relazioni, Coppia, Famiglia | Letto 1067 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoopera, 48

domanda

 

 

Tanto tempo fà ho conosciuto il mio partner.

Dopo tanto tempo e due figli non ho perso la forza di stare con il mio partner, pur amando completamente l'altro essere.

La ragione, credo, della perdita totale della forza l'ho addebito al tentativo, contrastato da me, di plasmarmi ad immagine e somiglianza del partner che aveva l'altra parte. il mio parthner era in attesa che io cambiassi e io , nel dissenso, sostenevo che non potevo essere ciò che l'altro desiderava, pena l'annullamento della mia personalità.

Dopo circa tre mesi che ho cessato la coabitazione, sono pienamente sereno e evito completamente di vederlo. Solo un po per i figli e un po per casi, sono costretto a chiamarlo o l'incontro. In tali occasioni sono freddo ed indifferente e concludo subito la faccenda.

Ebbene, ed è questo il motivo per cui scrivo, sento che ho bisogno, in tali occasioni, di ' andarmene via dalla situazione ' perchè non voglio condividere lo stesso spazio-tempo assieme a questa persona. Che cavolo significa ?

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

risposta

 

 

Salve opera,
sicuramente sentir negata la possibilità di espressione della propria personalità non è una cosa piacevole e forse è per questo che ha deciso di liberarsi da questo gioco scomodo.

Ciò non toglie che, seppur questa conflittualità ha portato la coppia coniugale a separarsi, la coppia genitoriale rimane. Anzi è opportuno che rimanga affinché i figli possano crescere senza confusioni o schieramenti di sorta.

La costituzione di un fronte genitoriale solido e stabile, che prenda decisioni univoche ed utili per i figli, non è qualcosa di facile da creare e gestire, ma per il benessere dei figli è indispensabile.

Una situazione conflittuale sul piano coniugale può minare la propria efficacia sul piano genitoriale. Spesso le separazioni avvengono solo sul piano fisico, non abitando più nella stessa casa, ma sul piano emotivo si rimane agganciati ad un modo di fare che è sempre uguale.

Talvolta i percorsi psicologici di coppia sono molto utili per interrompere questo tipo di giochi e per sancire in entrambi i partner anche un allontanamento emotivo cosicché ognuno possa contribuire al proprio ruolo genitoriale senza che i contrasti coniugali possano interferire.

Per rispondere alla domanda nello specifico, è possibile ipotizzare che seppur separato, il gioco della coppia coniugale non è ancora terminato. Quindi il bisogno di andare via che Lei descrive probabilmente corrisponde alla sua intenzione di non voler più giocare ad un gioco che non Le piace. Ciò nonostante non può far finta che il suo ex partner non esista perché è rimane l’altro genitore dei suoi figli.

Cordialemente

 

Pubblicato l' 08/02/2018

 

A cura del Dottor Vito Leone

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: consulenza online gratuita partner separazione

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Identificazione proiettiva

“Ora mi sembra che l’esperienza del controtransfert abbia proprio una caratteristica particolare che dovrebbe permettere all’analista di distinguere le situazio...

Disturbo Esplosivo Intermitten…

Disturbo del comportamento caratterizzato da espressioni estreme di rabbia, spesso incontrollabili e sproporzionate rispetto alla situazione L’IED (Intermitten...

Disturbo di conversione

Consiste nella perdita o nell’alterazione del funzionamento fisico, all’origine del quale vi sarebbe un conflitto o un bisogno psicologico I sintomi fisici non...

News Letters

0
condivisioni