Pubblicità

Lo stress post-infedeltà

0
condivisioni

on . Postato in Relazioni, Coppia, Famiglia | Letto 5373 volte

4 1 1 1 1 1 Votazione 4.00 (1 Voto)

Secondo lo psicologo Dennis Ortman il disturbo da stress post-infedeltà può avere conseguenze fisiche così come emotive.

Lo stress post-infedeltàQuando una donna o un uomo vengono a conoscenza dell'infedeltà del partner, la notizia può essere emotivamente e fisicamente devastante.

Il danno emotivo si riflette successivamente in quello che alcuni professionisti della salute mentale chiamano disturbo da stress post-infedeltà, aìcome causa dello stress e delle esperienze emotive che si sperimentano in seguito.

lo stress legato all'aver scoperto l'infedeltà del partner può portare a ciò che è stato soprannominato “sindrome del cuore spezzato”, chiamata anche cardiomiopatia da stress.

Lo psicologo Dennis Ortman, autore del libro “Transcending Post-Infidelity Stress Disorder”, descrive il termine come un qualcosa che “non vuole suggerire una nuova categoria diagnostica, bensì un parallelismo con il disturbo da stress post-traumatico, che è stato ben documentato e ricercato”.

Nel disturbo da stress post-traumatico, ripercorrere ripetutamente il trauma è la prima delle tre categorie sintomatologiche descritte.

Il disturbo è segnato da flashback per i veterani di guerra, incubi legati all'incidente per i sopravvissuti ad incidenti stradali, e ricordi dolorosi legati all'abuso per i sopravvissuti di traumi intra-familiari.

Così anche i mariti e le mogli, nel disturbo da stress post-infedeltà, ricorderanno e rivivranno il momento della scoperta del tradimento; anche dopo una ripresa iniziale, le persone avranno pensieri ricorrenti del loro partner con un altro.

Lo psicologo e sessuologo, Barry Bass, aggiunge che, “come le vittime del trauma, non è insolito che nei coniugi traditi ritornino alla mente eventi tristi legati a quella situazione, che sostituiscono a quelli benevoli”, come il non riuscire a darsi una spiegazione del perchè il partner rientrasse tardi da lavoro, la sua reazione eccessiva ad una domanda semplice, i messaggi di testo da parte di amici senza nome e così via.

La seconda categoria di sintomi del disturbo da stress post-traumatico, l'evasione e l'intorpidimento emotivo, è osservato anche nel disturbo da stress post-infedeltà.

La rabbia o la disperazione che arriva dopo lo schock iniziale legato all'aver scoperto l'infedeltà, può essere seguita da uno stato di affaticamento emotivo.

Le attività precedentemente piacevoli perdono il proprio “gusto”. Quelli che sono stati ingannati a volte si isolano dagli amici e dalla famiglia e descrivono la presenza di sentimenti di vuoto.

L'ultima categoria appartenente al disturbo da stress post-traumatico, l'iper-vigilanza e l'insonnia, possono anche subentrare in coloro che sono stati vittima dell'infedeltà del partner.

Il sonno inizia a “sfumare” e la concentrazione diventa una sfida, influenzando così le prestazioni del lavoro e la vita familiare.

Il disturbo da stress post-infedeltà può avere conseguenze fisiche così come emotive; lo stress di scoprire l'infedeltà può portare a ciò che è stato soprannominato “sindrome del cuore spezzato”, chiamata anche cardiomiopatia da stress.

Pubblicità

L'American Heart Association descrive sintomi come dolore toracico improvviso, simili ad un attacco di cuore.

Stressor di natura fisica ed emotiva innescano un aumento degli ormoni dello stress che temporaneamente colpiscono il cuore; la condizione in genere si inverte entro una settimana.

Nonostante lo stress, la vita continua anche dopo una relazione. A causa delle somiglianze sintomatiche, i terapeuti stanno iniziando a strutturare tecniche di consulenza specifica per aiutare le coppie a rimanere insieme o, laddove non sussistano tali condizioni, a lasciarsi andare.

L'esposizione e la ristrutturazione cognitiva sono le tecniche maggiormente utilizzate quando si ha a che fare con i ricordi traumatici.

Nell'esposizione, i coniugi sono invitati a immaginare gradualmente quei momenti che li hanno colpiti e destabilizzati, per apprendere come fronteggiarli in modo graduale; la ristrutturazione cognitiva si occupa invece di sostituire i pensieri irrazionali, i sentimenti ed i comportamenti indotti dal trauma, con quelli adattivi.

I terapeuti possono anche esplorare le aree “focalizzate sul trauma” con gli utenti, cercando di attraversare i ricordi sofferenti e i sentimenti avversi, per aiutarli a ri-costruire l'autostima e la fiducia dopo la perdita del rapporto ed il tradimento.

I terapeuti lavorano inoltre con i propri clienti per aiutarli a comprendere le motivazioni che hanno portato all'infedeltà; capire perchè ciò si è verificato può aiutare entrambi i partner.

Con l'aiuto della famiglia e degli amici, le ferite possono essere fasciate e la fiducia restaurata.

Il trauma da infedeltà, il tempo e la forza coinvolti nel ripristino della coppia ci ricordano quanto l'amore, al pari della guerra, può “mietere” delle vittime.

 

(a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

 

 

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

Tags: tradimento coppia stress post-infedeltà

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Gerontofilia

Con il termine  gerontofilia (dal greco geron  anziano e philia cioè amore affinità) si indica una perversione sessuale caratterizzata da un'esclusi...

Gelosia retroattiva

La gelosia retroattiva prende anche il nome di sindrome di Rebecca, nome ispirato dal film di Alfred Hitchcock, ovvero Rebecca la prima moglie, tratto dal roman...

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. ...

News Letters

0
condivisioni