Pubblicità

Consulenza [1599577765688]

0
condivisioni

on . Postato in Altro | Letto 613 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellesperto

Bice84, 36 anni

domanda

Salve,

volevo chiederle un'informazione riguardo alcuni comportamenti di mio marito.

Dice una marea di bugie su tutto, nega e mi da della pazza anche difronte l evidenza, sta giornate intere al pc a giocare a 40 anni, fa amicizie virtuali con donne su internet che non conosce, in passato era amministratore di un gruppo che aveva
come titolo seduzione ecc; critica sempre tutti, dicendo quello che è lui in realtà esempio( lui non lavora e dice che gli altri non fanno nulla).

Mi riempie di insulti gratuiti da mattina a sera se non gli sta bene una cosa, non fa nulla x cercare lavoro, cambia versione a distanza di poco tempo, non sa nemmeno lui cosa vuole. Se si infastidisce x qualcosa cambia personalità diventa un' altra persona e in quel momento non è consapevole di ciò che dice o fa.

Poi altro grosso problema è un mammone, fa tutto ciò che gli ordina la mamma e non possono passare più di due giorni senza vedersi.
Pensi che quest'estate ha preferito stare a casa con la madre piuttosto che venire 21 giorni in vacanza con me e il bambino di 4
anni!

Gentilmente potrebbe farmi capire di cosa potrebbe trattarsi?

La ringrazio anticipatamente x la sua disponibilità.

Buona serata.

 

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

 

risposta

Cara Bice84,
Sento una ben comprensibile rabbia e frustrazione nelle sue parole.
Sarebbe molto scorretto da parte mia fare ipotesi e inferenze su una persona solo sulla base di un racconto riferito: per affrontare i problemi di suo marito sarebbe necessario, appunto, che lui per primo li vedesse come problemi e avesse intenzione di cambiare la situazione.
Solo chi si mette in discussione può cambiare, crescere e migliorare la propria situazione.
Mi chiedo se la sua richiesta di dare un nome, un'etichetta all'evidente disagio di suo marito venga da un comprensibile bisogno di rassicurazione, o da un tentativo di motivarlo e spronarlo a un cambiamento.
In ogni caso, il cambiamento può venire soltanto da dentro. Noi non possiamo cambiare gli altri, e una relazione autentica non può reggersi sull'aspettativa che l'altro cambi.
Se suo marito riconosce un disagio ed è disposto a mettersi in gioco, un percorso di psicoterapia individuale e/o di coppia potrebbe essere per lui e per voi un'ottima opportunità.
In caso contrario, lei può decidere se intende continuare a stare a queste condizioni oppure no. È evidente che la vostra relazione, sebbene problematica, le dà qualcosa, risponde a qualche suo bisogno emotivo: si domandi di cosa si tratta e quanto è importante per lei.
Si lasci guidare da un solo obiettivo: quello di essere autentica.

dott.ssa Elisabetta Ranghino

 

Pubblicato in data 15/09/2020

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: problemi di coppia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Ipercinesia

Nel disturbo ipercinetico si ha la contemporanea presenza di sintomi quali: la breve durata dell’attenzione, distrazione, iperattività e almeno un sintomo di im...

Facies

Il termine latino Facies si riferisce all’espressività ed alla mimica facciali, nonché alla mobilità dei muscoli pellicciai. In semeiotica medica, il termine s...

Suicidio

Per suicidio (dal latino suicidium, sui occido, uccisione di se stessi) si intende l'atto con il quale un individuo si procura volontariamente e consapevolmente...

News Letters

0
condivisioni