Pubblicità

Offese in amore e a lavoro (1527283849944)

0
condivisioni

on . Postato in Altro | Letto 1111 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertomela, 25

domanda

 

 

Buonasera, vi scrivo perchè sto vivendo un periodo molto difficile e faticoso. Da due anni e mezzo ho una relazione e convivo con un ragazzo della mia stessa età.

Dall'inizio della nostra storia ci sono sempre stati alti e bassi continui, forti litigate quasi giornaliere e poi due giornate di amore (forse non siamo mai stati più di una settimana senza litigare). Da subito ha usato delle parole molto forti nei miei confronti, preciso che gli ho chiesto di non offendermi e non usare parolacce negli scontri sin dall'inizio, che nell'ultimo periodo sono aumentate.

Mi offende continuamente, svilisce i miei pianti, fa ironia quando gli chiedo di non trattarmi in questo modo, mi sta facendo sentire sbagliata in tutto, non so come prenderlo è molto rancoroso e spesso nei litigi vengono fuori cose dell'anno prima. Spesso nei momenti di discussione mi fa notare come lo stesso comportamento che ho con lui io lo abbia anche con la mia famiglia, con gli amici, come a darsi forza di quello che mi sta dicendo. In due anni forse ho ricevuto una volta scusa, nell'ultimo mese mi è arrivato a dire ammazzati! ti do uno schiaffo che ti appiccico al finestrino! devi stare zitta!...non era mai arrivato a tanto.

Non riusciamo a discutere in maniera civile e serena, tutte le volte, anche per una piccola cosa (che per lui è sempre fondamentale e io vorrei risolverla con una risata o non dargli piu importanza di quella che ha) si finisce sempre in urla, non parlandoci, evitandoci a casa per giorni fino a che tutto non si sistema per qualche giorno.

Sto andando dalla psicologa perchè sto mettendo in discussione tutto quello che faccio e le mie maniere di comportarmi, lui dice che non ho fiducia in lui che non l'ascolto e che ogni volta che prova a parlarmi (i suoi discorsi sono monologhi infiniti) io so già cosa lui vuole dire e lo interrompo.

In più abbiamo creato un'associazione e dovremo organizzare dei festival insieme e questa cosa mi preoccupa molto perchè sento il peso della responsabilità, ma anche la certezza che non posso piu continuare cosi, che non possiamo lavorare insieme. Detto ciò c'è qualcosa che mi lega a lui di carnale, sento di amarlo.

Il lavoro è un altro grosso problema: sono in una società da quasi due anni e mi stanno sfinendo, troppe responsabilità, pochi soldi, violenza verbale continua e poco rispetto (anche quando non sono a lavoro mi continuano a tartassare di messaggi e richieste facendomi sempre sentire in dovere di rispondere e che la mia credibilità come persona dipenda da come mi comporto in ufficio). Andare bene a loro diventa un metro di giudizio per dare valutazioni su me come persona.

Sono veramente afflitta e stanca, non so come uscire da questa situazione che mi sta schiacciando da una parte all'altra, rido poco e sono piú le volte che piango e sto in tensione.

Mi sembra di non farcela a gestire tutto e che ogni cosa che mi sta girando intorno non riesco a comandarla e sento solo responsabilità e ansia.
Vorrei non tornare piu in ufficio ma sto aspettando la fine del contratto per prendere la disoccupazione.

Mi sento svilita e minata nell'autostima sia da parte della relazione sia da quella sentimentale, non riesco a capire cosa sia giusto e tollerabile e cosa non lo sia, a volte ho dei momenti di lucidità, ma poi rientro in questo meccanismo che mi sta facendo stare male.

Grazie

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

risposta

 

 

Gent. le Mela,

ho letto la tua storia. Ritengo opportuno ricordarti che sei giovane, non ti sei sposata con quest’uomo con cui convivi per cui sei ancora libera di prendere delle decisioni affettive che possono migliorare la tua condizione, cercando di capire che tipo di uomo vuoi al tuo fianco. Quale parte di te vuoi che venga punita da quest’uomo? Pensi di non meritare rispetto come donna? Se lo ami veramente potete iniziare un percorso di Psicoterapia di coppia o ognuno il suo individuale per poter comprendere cosa succede tra voi e quali aspetti vi portano ad essere così litigiosi. Anche per ciò che riguarda il lavorare insieme dovete imparare a rispettarvi nel vostro reciproco ruolo senza essere svalutativi l’uno con l’altro ed imparando ad assumervi ciascuno la vostra responsabilità. Infine per ciò che riguarda il tuo lavoro in ufficio, non vivere in funzione dei giudizi degli altri. Tu impegnati a portare avanti con responsabilità i tuoi compiti, avendo fiducia in te stessa e nelle tue capacità.

Cordiali saluti

 

Pubblicato il 12/06/2018

 

A cura della Dottoressa Iolanda Lo Bue

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: consulenza online gratuita amore

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Algofilia

L’algofilia (dal greco ἄλγος "dolore" e ϕιλία "propensione") è la tendenza paradossale e patologica a ricercare il piacere in sensazioni fisiche dolorose. ...

Psicoterapia

La psicoterapia è una forma d’intervento terapeutico nei confronti di disturbi emotivi, comportamentali, ecc., condotto con tecniche psicologiche. La Psicote...

Schizofasia

Profonda disgregazione del linguaggio che è sostituito da un’accozzaglia di parole o insalata di parole prive di un qualsiasi significato. Questo disturbo ling...

News Letters

0
condivisioni