Pubblicità

Dipendenza sessuale (123473)

0
condivisioni

on . Postato in Dipendenze e Abusi | Letto 818 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sono un professionista di 32 anni e vivo ancora con i miei genitori. Sono attualmente single dopo una relazione durata un anno e mezzo. Il mio problema riguarda la dipendenza dal sesso dalla quale non riesco a liberarmi e che mi crea problemi di relazione, economici e sul lavoro. Penso di sfogare tutte le ansie che ho, in particolare provenienti dal lavoro, in un'intensa attività sessuale e questo non fa che accrescere la mia ansia in quanto, pur sapendo che questa attività (sesso con prostitute, frequenti masturbazioni, film porno, sesso con estranei ecc...sottolineo non pedofilia) non rientrano nell'educazione datami dalla mia famiglia, non riesco a fermarmi. Non riesco a fermarmi neppure di fronte ai problemi economici che questa forsennata ricerca di sesso mi procura, non riesco a concentrarmi sul lavoro e spendo molti soldi alla ricerca di sesso mercenario. Anche durante l'ultima relazione sentimentale sono ricorso a pratiche sessuali con prostitute per poi successivamente sentirmi depresso per il male che avevo fatto alla mia lei e a me. Qual è il mio problema psicologico e qual è la terapia che può risolverlo? Grazie sin da ora per la collaborazione.

Caro Diego, da quello che scrivi il tuo problema potrebbe essere una "addiction" o dipendenza, ma anche un disturbo di tipo compulsivo. Non è facile nè corretto inerpicarsi per sentieri diagnostici a partire da così pochi indizi. Quello che è certo è che, come tale, puoi risolverlo una volta per tutte! L'orientamento cognitivo-comportamentale può essere quello giusto per ridurre il comportamento di "procacciamento di sesso" che attualmente ti assilla e nel riconcettualizzare anche il tuo modo di vivere tale situazione (totalmente contraria alla tua educazione!).

(risponde la Dott.ssa Sara Ginanneschi)

Pubblicato in data 06/08/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di dipendenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Apprendimento globale

L'appredimento globale riguarda il nostro modo personale di affrontare un problema. Come viene appreso l'ambiente intorno a sé e come vengono acquisite nuove...

Fobia

La fobia è una eccessiva e marcata paura di oggetti o situazioni, che comporta una elevata attivazione psicofisiologica (arousal) con conseguente aumento del &n...

Maternage

In psicologia, il maternage è il complesso di atteggiamenti ed azioni implicati nel rapporto madre-figlio, soprattutto nei primissimi anni, che possono essere i...

News Letters

0
condivisioni