Pubblicità

Come lascio un fidanzato che mi ama profondamento (1470209687127)

0
condivisioni

on . Postato in Relazioni, Coppia, Famiglia | Letto 1354 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoConfusissima1991, 25

 

D

 

 

Buongiorno vi espongo il problema che mi trovo ad affrontare. Sono quattro anni che convivo con il mio ragazzo e purtroppo non lo amo più. Siamo andati a convivere dopo pochissimo tempo e le emozioni erano alle stelle.

 

Negli ultimi due anni a me le emozioni sono scese sempre di più fino ad arrivare ad oggi, sono nel punto di non ritorno DEVO chiudere questa relazione, il freno maggiore che mi pongo è la grande sofferenza a cui andrà in contro il mio partner, la sofferenza è quella cosa da cui ho tanto cercato di proteggerlo ed ora sarò io a doverla infliggere.

Io credo che lui abbia notato questa mia freddezza negli ultimi tempi tanto che non smette di ripetermi che mi ama e la cosa mi mette non poco in difficoltà, avvolte rispondo, avvolte accenno un sorriso ma comunque credo si noti che per me non è più lo stesso.

Un altro problema è l'intreccio familiare, ora da qualche mese siamo a casa dei miei genitori e la cosa è resa sempre più problematica... In quanto a rapporti sessuali siamo a 0, non si fa più l'amore al massimo ci si masturba a vicenda e la cosa proprio non mi andava giù (ora mi va bene non cerco più nessun tipo di rapporto).


Gli voglio bene credo che sia stato un ottimo partner, è molto sensibile ed attento alle esigenze dell'altra ma nonostante tutto l'amore da parte mia è scomparso lasciando spazio ad un enorme senso di colpa. Mi sento in trappola. Chiudo con una premessa non l'ho mai tradito perchè il rispetto che provo nei suoi confronti è enorme.

Grazie a chi prenderà in consideranzione questa richiesta

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

R

 

 


Cara Confusissima 1991,

dalle sue parole emerge un forte affetto nei confronti del suo compagno e, proprio per questo, deve cercare di essere più sincera possibile con lui, altrimenti lo farà soffrirà ancora di più.

Lo so che non è per niente facile lasciare il proprio compagno, ma stare con lui non amandolo più è scorretto. La sua decisione di troncare potrebbe essere mal accettata all’inizio ma poi, quando si renderà conto che è stata sincera, l’apprezzerà.

Se continua a mentire lui potrebbe accorgersene e a quel punto, oltre a soffrire, potrebbe arrabbiarsi per averlo dovuto scoprire da solo. Trovi il coraggio di parlare con il suo compagno, se sarà trasparente con lui vedrà che sarà in grado di capirla.

Potete eventualmente provate a staccarvi per un pò così lei potrà vedere se lontana da lui conferma il suo pensiero oppure no. Le auguro di risolvere questa situazione al più presto.

Cordiali saluti,

dott.ssa Eleonora Mercadante

 

A cura della Dottoressa Eleonora Mercadante

 

Pubblicato in data 15/09/2016

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

 

Tags: problema relazione convivenza coppia intreccio familiare sincerità l'esperto risponde

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Narcisismo

La parola "narcisismo" proviene dal mito greco di Narciso. Secondo il mito Narciso era un bel giovane che rifiutò l'amore della ninfa Eco. Come punizione, fu d...

Fissazione

Nel linguaggio comune, quando parliamo di fissazioni, ci riferiamo a comportamenti che la persona ha sempre messo in atto, che sono diventati abituali e che la ...

Insonnia

L'insonnia è un disturbo caratterizzato dall'incapacità di prendere sonno, nonostante ce ne sia il reale bisogno fisiologico. ...

News Letters

0
condivisioni