Pubblicità

Essere spocchioso... (1547225160470)

0
condivisioni

on . Postato in Altro | Letto 3931 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoPaolo, 42

domanda

 

 

Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ?

Questa persona non si rende minimamente conto di esserlo, per lei "la cultura non può essere un difetto", non si percepisce minimamente come tale e si sente addirittura incompreso se qualcuno lo classifica in questo modo.

Questa persona è molto intelligente e colta, dice che la sua "normalità" è diversa da quella degli altri e che dunque il suo modo "normale" di essere non viene percepito come tale dagli altri che vivono una normalità diversa.

Come affrontare la cosa col mio amico? il punto è che io non lo vedo in questo modo ma il primo impatti che fa a tutte le persone sono di questo tipo...

Vi ringrazio anticipatamente per la vostra risposta illuminante.

Distinti saluti.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 



risposta

 

 

Caro Paolo,

a volte la realtà è troppo complessa per essere riassunta in una risposta che possa considerarsi illuminante, e questo non è necessariamente un male.
Purtroppo o per fortuna (e da psicologa propenderei per la seconda) non siamo tutti fatti con una serie di stampini corrispondenti ognuno ad una tipologia di personalità, ad una diagnosi o ad una qualche etichetta categorizzante.

Lo stesso modo di essere, che in questo caso lei definisce di "spocchia", non ha un solo significato per tutti, ma è per ognuno il risultato, sempre in evoluzione e mai dato definitivamente, di una storia irripetibile, di un mondo dinamico auspicabilmente pieno di senso, è quasi sempre il meglio che in quel dato momento quella persona ha potuto fare.

Sono tante le domande che ci si può porre prima di giudicare il modo di essere di qualcuno, così tante che forse a giudicarlo non si arriverà infine mai.
Che valore ha per lui essere acculturato? Che ruolo ha la cultura nella definizione della sua identità? Come, quando e a quale scopo è arrivato ad essere così? Questo modo di essere arreca danno o sofferenza a lui o a qualcuno che gli è vicino? In che cosa il suo modo di porsi gli è funzionale, e in cosa invece lo ostacola? Lui vorrebbe cambiare? Altri vorrebbero che cambiasse? E perché? Il senso che questo modo di essere aveva quando è cominciato, è ancora attuale o è un retaggio del passato? Lui sta bene con questo suo modo di essere?

Non è certo facile rispondere a tutte queste domande, e le risposte possono cambiare nel tempo, ma solo così potrà capire se e come "affrontare" quello che potrebbe essere un problema, oppure non esserlo.

 

 

Pubblicato il 17/01/2019

 

 

A cura della Dottoressa Elisabetta Ranghino

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: consulenza online gratuita spocchioso essere spocchioso

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Amnesia

Dal greco a-mnesis (non-ricordo), il termine amnesia indica la compromissione grave e selettiva della memoria a lungo termine (MLT), indipendente dal tipo di st...

La Dislessia

I DSA sono disturbi del neurosviluppo che riguardano la capacità di leggere, scrivere e calcolare in modo corretto e fluente che si manifestano con l'inizio del...

Fobie

Nel DSM-IV la fobia specifica è definita come la "paura marcata e persistente, eccessiva o irragionevole, provocata dalla presenza o dall'attesa di un oggetto o...

News Letters

0
condivisioni