Pubblicità

Paura di vivere (1461310657726)

0
condivisioni

on . Postato in Ansia, Stress, Panico | Letto 1373 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoFrancesca, 32

 

D

 

 

 

Ho bisogno di aiuto ho paura di vivere, mi sembra che i miei figli 9 e 6 anni stanno crescendo in fretta e non riesco a  godere ogni istante.

Vorrei spegnere i pensieri mi rendo conto quando  stanno per arrivare gli attacchi di panico li controllo col respiro ma non è vita ho un mostro dentro e mi sento in colpa perché non mi manca nulla. Gli psicofarmaci mi hanno fatto star male e li ho dovuti  sospendere. Così non riesco a vivere.

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

 

R

 

 

Cara Francesca,
grazie innanzitutto per aver fatto riferimento alla nostra rubrica. Nel tuo breve racconto utilizzi poche parole ma incisive per descrivere il tuo stato d’animo; nel contempo non esplicitando le tue affermazioni non fornisci  molte indicazioni utili per poterti dare un suggerimento appropriato.

Sei una giovane mamma, cosa intendi quando affermi che non riesci a godere di ogni istante rispetto alla crescita dei tuoi bambini? Forse non hai sufficiente tempo da trascorrere con loro? Oppure il tuo tono dell’umore attuale ti impedisce di godere appieno dei momenti che passate insieme?

In relazione agli attacchi di panico che descrivi e rispetto agli psicofarmaci che hai assunto in passato, ti è già capitato di sperimentare un percorso psicoterapico? Con quali risultati?

Il disagio psicologico ed emotivo non ha bisogno di cause specifiche direttamente osservabili e oggettive per manifestarsi, si può sviluppare senza  necessariamente essere consapevoli dei meccanismi sottostanti.

Tale sintomo lo possiamo cogliere come un segnale interno, una sorta di spia che ci avvisa che bisogna iniziare a prendersi cura di sè, darsi la giusta attenzione, quindi fermarsi e ascoltarsi (come fai tu quando controlli attraverso il respiro i picchi di ansia).

La tua affermazione “ho paura di vivere” racchiude tutta una complessa rete di significati e di tematiche legati al tuo vissuto interno che a mio avviso sarebbe molto utile esplorare insieme ad uno psicoterapeuta.

Tale percorso potrebbe aiutarti ad individuare e destrutturare  quel “mostro interno”  che rappresenta in questo momento per te un ostacolo al raggiungimento del normale stato di benessere e serenità.

Tieni presente che per orientarsi nella scelta dello psicoterapeuta è fondamentale  fare riferimento ai professionisti abilitati e iscritti all’Albo. Molti di loro offrono l’opportunità di una prima consulenza a titolo gratuito senza impegno.

Un carissimo augurio affinchè tu possa riappropriarti presto della tua serenità.

 

A cura della Dottoressa Arianna Grazzini

 

Pubblicato in data 10/05/2016

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: panico supporto psicologico psicofarmaci percorso psicoterapeutico disagio emotivo disagio psicologico paura di vivere

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Ginandromorfismo

Condizione, in biologia, per cui in un individuo (ginandromorfo) compaiono alcuni caratteri propri del maschio e altri propri della femmina, per effetto di un m...

Eisoptrofobia

L'eisoptrofobia o spettrofobia (da non confondere con la paura degli spettri, phasmofobia) è la paura persistente, irrazionale e ingiustificata degli specchi, o...

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. L...

News Letters

0
condivisioni